Milano

Milano, Cattaneo: si gioca partita della vita, ok primarie nel centrodestra

Raffaele Cattaneo

Raffaele Cattaneo

“A Milano si giocherà la partita della vita: dalle amministrative del 2016 può ripartire il centrodestra, oppure può affossarsi definitivamente” lo afferma il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo conversando con i giornalisti a margine della seduta del Consiglio regionale.

“Se c’è un modo in cui il centrodestra può perdere è il logorandosi con il totocandidato. Credo che sia invece più intelligente lavorare per una piattaforma di contenuti su cui far ritrovare tutte le forze del centrodestra e sulla base di questi scegliere il candidato. È  possibile che tutte le forze del centrodestra, compresa la Lega, si ritrovino sulla stessa piattaforma di contenuti? Se fosse possibile, come è stato  per le elezioni regionali in Lombardia, allora avremo concretamente l’ipotesi un centrodestra che si presenta unito. Se non fosse possibile è evidente che non ci potrà essere questa ipotesi”.

Cattaneo ha inoltre risposto alle sollecitazioni del governatore Maroni: “è molto positivo che Maroni dica che a Milano il centrodestra deve presentarsi con il modello Lombardia. Il modello Lombardia, però, è il modello di ieri quando Maroni era segretario della Lega. Salvini non ha in testa quel centrodestra e continua a ripetere che per NCD le porte sono chiuse. Ci sono alcuni contenuti su cui, se non c’è chiarezza, è impossibile convergere.”

Sul tema delle primarie, Cattaneo ha concluso: “mi sono sempre piaciute perché danno la voce al popolo, ma hanno delle difficoltà operative. Io sostengo le primarie, ma vanno fatte seriamente. Nel centrodestra, però, bisogna prima costruire la coalizione, definire i contenuti e poi pensare al candidato e a come sceglierlo”

24 marzo 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs