Varese

Varese, Marcia della fraternità contro razzismo e intolleranza

stranieriIn occasione della giornata internazionale contro le discriminazioni razziali, il Movimento Ubuntu e le associazioni aderenti alla presente manifestazione, vogliono esprimere il loro dissenso sulla recrudescenza dei fenomeni di intolleranza, di discriminazioni e di razzismo in questi periodi di crisi economica, promovendo “la marcia della fraternità”, per affermare che senza solidarietà non c’è futuro.

Oggi le sfide sociali, economiche, ambientali e culturali da affrontare richiedono coesione sociale e una più forte solidarietà tra gli esseri umani, tutti gli uomini dotati di coscienza hanno il dovere e la responsabilità di agire in tal senso.

L’Italia del nuovo millennio, aspirandosi ai valori umani richiamati dalla sua costituzione ed espressi dalla cultura cristiana, ricordandosi anche della propria storia di popolo migrante, deve poter sapersi confrontare con il patrimonio umano, culturale e civile degli immigrati giunti nel bel paese da quasi tutte le parti del mondo.

Crediamo che la creatività italiana, universalmente riconosciuta, insieme alla profonda umanità della grande maggioranza del suo popolo, se libera dalle sue paure, saprà abbattere il muro che impedisce l’incontro fecondo tra i diversi popoli e favorire cosi una conversione dall’IO individualista a un NOI comunitario.

Un NOI dove nessuno sia escluso!

Fede, speranza e coraggio sono i valori necessari per assumere la nostra responsabilità storica, per dare luce ad un nuovo umanesimo che abbia come fondamento lo spirito di fratellanza e di giustizia.

Occorre pertanto sviluppare una politica culturale di integrazione per aprire la mente dei portatori d’ideologia razzista e xenofoba ed elevare la loro coscienza nel riconoscimento della nostra comune dignità.

Il movimento Ubuntu Varese.

Documento condiviso e sostenuto dal Coordinamento Migrante di Varese e dall’Associazione I Care di Travedona.

18 marzo 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs