Milano

Milano, Spazio Lavit all’Affordable Art Fair, una vetrina che guarda lontano

Lo stand dello Spazio Lavit

Lo stand dello Spazio Lavit

Si è aperta a Milano, nei grandi spazi di Superstudio Più di via Tortona (il regno del fuori Salone), la quinta edizione di Affordable Art Fair, fiera internazionale di arte contemporanea. Una vetrina interessante, che ospita 95 gallerie che provengono da tutto il mondo. La manifestazione, che si svolge dal 18 al 22 marzo, offre al visitatore una vasta scelta di tutti i tipi di pittura, ma anche fotografie, stampe, sculture.

Tanti gli espositori, ma anche presenze di “mostri sacri” dell’arte contemporanea, Michelangelo Pistoletto. E tra gli espositori è presente anche una realtà varesina come Spazio Lavit, che nel suo stand ha portato autori già esposti nella città giardino: i sei artisti proposti da Alberto Lavit sono Giuliano Tomaino, Silvio Monti, Paolo Fiorellini, Stefano Spagnoli, Sabina Feroci e Luigi Gentile. Sono circa un centinaio le opere, tra quadri, sculture, stampe, che si possono vedere nello stand di Lavit.

Accanto ad Alberto si muove Laura Orlandi, critica d’arte, che illustra le opere a visitatori e clienti, già numerosi fin dal primo giorno della mostra. Guardano le opere, parlano tra loro, scambiano quattro chiacchiere con gli artisti Sabina Feroci e Silvio Monti, presenti nello stand.

“E’ la prima volta che lo Spazio Lavit approda ad una rassegna come questa, con tutta l’emozione di un debutto”, spiega Alberto Lavit. “Una scelta impegnativa per lanciare lo sguardo al di là dei confini provinciali, per presentare artisti che ho seguito e ospitato nel mio spazio ad un pubblico più ampio, nell’ambito di una fiera internazionale”.  Una sfida, insomma, che conferma la crescita dello spazio di Alberto Lavit, che con la presenza alla kermesse milanese conferma la capacità di cambiare, sperimentare, andare oltre.

 

 

FOTO

18 marzo 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs