Varese

Varese, Parte il master in senologia in collaborazione con Veronesi

Umberto Veronesi

Umberto Veronesi

Si moltiplicano le iniziative di alta formazione organizzate dall’Università degli Studi dell’Insubria nel campo del tumore alla mammella: è in programma a Varese la terza edizione del Master di II livello in Senologia, in collaborazione con la Scuola Italiana di Senologia di Umberto Veronesi: una delle più autorevoli istituzioni a livello nazionale nel campo della formazione di figure professionali impegnate nella lotta al cancro al seno.

A Varese, il Centro di Ricerche in Senologia dell’Università dell’Insubria, diretto dalla Professoressa Francesca Rovera, è attivo, tra le altre cose, nella realizzazione di programmi di formazione rivolti a tutti gli operatori sanitari dedicati alla senologia, nella promozione di campagne di informazione ed educazione alla salute, nella pianificazione di studi clinici e gruppi di lavoro, con particolare attenzione alla variante psicosociale. L’organizzazione del Master a Varese rappresenta un momento significativo per la crescita del territorio.

«Siamo fermamente convinti che la ricerca della qualità passi attraverso la crescita complessiva di tutte le figure professionali coinvolte; fondamentale è lo scambio di saperi con realtà come la Scuola Italiana che ha scritto pagine di storia scientifica del nostro Paese – sottolinea la Professoressa Rovera, chirurgo senologo dell’equipe diretta dal Professor Gianlorenzo Dionigi. Per riuscire a dare alle pazienti risposte al passo con i tempi è necessario operare nel rispetto di tre principi fondamentali: l’approccio multidisciplinare, la personalizzazione della cura e la rete tra operatori a vari livelli: medici specialisti, medici di medicina generale, infermieri, tecnici e volontari oncologici. Proprio da queste considerazioni è nata l’organizzazione del Master in Senologia di II livello in collaborazione con la Scuola Italiana di Senologia».

Per Umberto Veronesi, Direttore scientifico IEO: “Quasi tutto ciò che ho imparato nella mia vita arriva da loro, da tutte le donne che ho incontrato”.    Il Dottor Callisto Bravi sostiene che “l’alta incidenza per carcinoma mammario in Provincia di Varese – la più alta d’Italia in donne sempre più giovani – richiama tutti ad una riflessione scientifica, culturale, etica e sociale”. Per il Dottor Eugenio Cocozza “questo dato epidemiologico sollecita una costante attenzione alla diagnosi precoce ed alla cura multidisciplinare e personalizzata: le pazienti devono trovare risposte d’eccellenza, in linea con i continui progressi della ricerca”.  Il Dottor Alessandro Liguori sostiene che “l’aumento della sopravvivenza ( 84,5%) per tumore della mammella vede nella Breast Unit uno dei punti di forza. Humanitas Mater Domini ha fortemente voluto una Breast Unit dove la cura sia integrazione di saperi ed attenzione alla persona. La qualità della formazione è la base da cui partire, per questo siamo parte attiva del MASTER”. Infine il Dottor Claudio Andreoli, Direttore della Scuola Italiana di Senologia evidenzia che “ai medici il compito di immettere nella clinica il profumo della liberata’ di pensiero, di azione ed emozione. Non dobbiamo mai perdere il senso’ inestimabile della cura che riporta alla donna e non alla malattia”.

Come dice Adele Patrini, Presidente Associazione CAOS Varese, “una scienza innovativa rappresenta il principio ispiratore di questi lavori. Le donne, come straordinarie amazzoni, cambieranno il modo di fare medicina non a caso il Master prevede anche una lezione tenuta dalle pazienti stesse”.

12 marzo 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs