Varese

Varese, Nessuna donna nel cda del Molina, Pd: revocare le nomine

comune di VareseSiamo nel 2015, a Varese. Eppure i partiti di maggioranza in Comune (Lega, Udc e Forza Italia), che hanno “dettato” al Sindaco le recenti nomine del Presidente e del Cda della Fondazione Molina, non hanno ritenuto nessuna donna “all’altezza” di sedere accanto ai colleghi uomini nell’organo di governo di questo Ente, nel quale lavorano centinaia di donne occupandosi della cura e dell’assistenza delle persone anziane.

E ciò pur in presenza di norme di civiltà giuridica che dispongono diversamente in questa materia, promuovendo la partecipazione femminile e la parità di genere alla guida delle istituzioni e degli enti.

Chiediamo pertanto al Sindaco di revocare il decreto di nomina appena firmato, che risulta viziato da questo insopportabile ed antistorico pregiudizio verso il genere femminile e di sanare questa mancanza che può recare offesa all’ immagine delle tante donne varesine, capaci e competenti, che si impegnano lavorando ogni giorno per il bene della nostra comunità.

Luca Paris-Segretario PD Varese

Fabrizio Mirabelli-Capogruppo PD Varese

28 febbraio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs