Regione

Regione, Bagarre in Consiglio. Cattaneo si scontra con il vice leghista

consDopo la Camera, anche il Consiglio regionale della Lombardia registra un’atmosfera incandescente. E’ in corso la discussione quando i consiglieri leghisti scelgono di indossare una t-shirt con la scritta: “Renzi a casa”, in vista della manifestazione romana del 28 febbraio.

A questo punto il presidente Ncd del Consiglio Raffaele Cattaneo chiede ai consiglieri del Carroccio di togliersi le magliette, e così scoppia la bagarre. Non è d’accordo il consigliere leghista Cecchetti, che è anche vicepresidente del Consiglio, che si avvicina al banco di Cattaneo e cerca di strappare il microfono allo stesso Cattaneo. Espulsione del vicepresidente leghista e sospensione della seduta.

Cattaneo reagisce parlando con i giornalisti: “Il Consiglio non può diventare “una Caienna”, già ci sono esempi in altre istituzioni. Le istituzioni, e quindi l’aula del Consi11glio regionale, non possono essere piegate o prestarsi a operazioni politiche di parte”.

Replica dura del vicepresidente leghista: “I fatti di oggi dimostrano che Cattaneo è per l’ennesima volta poco rispettoso del suo ruolo istituzionale. Ha censurato le magliette della Lega, forse perché gli ricordano che l’Ncd a Roma ha tagliato un miliardo alla Lombardia”. “Posso capire quale sia stata la molla che abbia fatto scattare la sua reazione – continua Cecchetti -: Renzi è sostenuto dal suo partito. È la seconda caduta di stile dopo che, pochi giorni fa, aveva utilizzato lo spazio istituzionale delle «100 Tappe in Lombardia» per attaccare Salvini e la Lega Nord. Cattaneo si dia una regolata”.

Insomma, bagarre in Consiglio e nervosismo nella maggioranza, con Ncd e Lega che sempre più entrano in rotta di collisione. Ancora per quanto?

 

25 febbraio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs