Varese

Varese, Il festival Cortisonici al via con il Torneo Sei Nazioni

Cortisonici old style

Cortisonici old style

A primavera torna Cortisonici. Ancor più internazionale e competitivo, come si conviene in tempi di Expo, il festival 2015 prenderà il via il 12 maggio e vedrà in gara una multiforme rappresentanza dei paesi che contano veramente, tipo Lituania e Messico.

Rinnovata e arricchita nella formula, la manifestazione varesina riconquista la sua collocazione più congeniale – quando tornano le rose e le maniche si accorciano – e propone, per la prima volta a Varese e per quanto ne sappiamo nell’intero universo, il primo Torneo Sei Nazioni dedicato ai cortometraggi.

A sfidarsi, opere provenienti da paesi che il pubblico cortisonico ha già imparato e conoscere e amare, come Spagna, Germania, Argentina e naturalmente Italia, accanto a due inaspettate new entry: Lituania e Messico.

Tra orsi, trombettisti trasognati, critici sanguinari e metalmeccanici danzanti, sarà il pubblico a decretare il vincitore di questa 12a edizione e lo sconfitto, al quale verrà consegnato il prestigioso Cucchiaio di Legno di rugbistica memoria.

Altra importante novità, il rinnovato connubio con Cortisonici Ragazzi, la sezione del festival dedicata alle opere degli studenti che tornerà ad accompagnare le mattinate del concorso (bando aperto fino al 31 marzo).

A tarda notte, l’immancabile appuntamento con l’Inferno Cortisonico, il ‘terzo tempo’ del concorso, con una serie di contro-proiezioni che quest’anno, come e più del solito, vedono l’orrido e il sublime convivere felicemente e senza vergogna.

A margine delle proiezioni, una serie di eventi in bilico tra cinema, musica e gastronomia (#alimentazione, #expo, ricordate?) che, in varie location della città e non solo, ci porteranno a conoscere meglio i paesi in gara (per ciascuno dei quali sarà presente una delegazione), le loro specificità e le loro matte matte abitudini.

20 febbraio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs