Varese

Expo, Dopo i tedeschi, anche gli olandesi arrivano a Varese

Dopo la Germania, anche l'Olanda sceglie Varese

Dopo la Germania, anche l’Olanda sceglie Varese

La Camera di Commercio mette a segno un altro bel gol verso Expo2015: dopo la Germania, anche l’Olanda ha scelto Varese quale sede dello staff che gestirà il suo padiglione. L’annuncio viene direttamente da Promovarese, l’azienda speciale dell’ente camerale che sta operando per massimizzare i benefici che il nostro territorio può trarre dalla vicinanza alla sede della grande Esposizione Universale in apertura il prossimo 1° maggio: «Non avevo dubbi sul fatto che la qualità e l’impegno che caratterizzano la nostra azienda speciale Promovarese potessero portare altri benefici al sistema economico della provincia» sottolinea con un pizzico di giusto orgoglio il presidente della Camera di Commercio Renato Scapolan: «Già a novembre avevamo raggiunto l’accordo con la Germania: vale la pena di ricordare che, con oltre 180 persone presenti, quella tedesca sarà la delegazione più numerosa a Expo2015. Il riscontro di un risultato così prestigioso non poteva che far conseguire altri successi. Adesso l’Olanda ha accolto la nostra proposta. Siamo soddisfatti, soprattutto per i benefici che questa ulteriore presenza potrà portare alle nostre imprese del settore dell’accoglienza».

La delegazione dei Paesi Bassi sarà infatti composta da almeno una quarantina di persone, che si fermeranno per tutti i sei mesi di Expo2015. «Non mancheranno però – ricorda il presidente di Promovarese Rudy Collini – flussi di altre persone che, in occasione delle varie iniziative previste nel padiglione olandese, di volta in volta arriveranno dai Paesi Bassi. Ecco allora nuove risorse che s’aggiungono al milione e ottocentomila euro d’indotto calcolato per la Germania!».

Di più, non è da trascurare il potenziale effetto fidelizzazione: queste persone, una volta conosciuta Varese con le sue peculiarità, potranno tornarci da turisti. «Puntiamo sul turismo e sull’accoglienza – riprende Scapolan –, ma anche sullo sviluppo di relazioni d’affari grazie alla presenza di delegazioni di paesi con cui il Sistema Varese ha un interscambio di rilievo. È chiara insomma la duplice valenza di questi accordi: al valore immediato, costituito dall’indotto generato, s’abbinano le opportunità di business create per le nostre imprese manifatturiere. Su questi due obiettivi stiamo lavorando, oltre che con Promovarese, anche con il consorzio turistico “Varese Convention and Visitors Bureau” e con quello per l’esportazione “Provex”».

Lo sforzo della Camera di Commercio sul fronte dell’accoglienza, quale occasione per massimizzare i benefici di Expo2015 per Varese e il suo territorio, non si ferma però alle sole delegazioni.

Un ambito molto attivo è quello della convegnistica, in particolare sul versante degli ordini professionali. Si sta lavorando a proposte di congressi nazionali nel periodo dell’Esposizione Universale. «Abbiamo già raggiunto un risultato di prestigio anche qui – evidenzia proprio Renato Scapolan –. Il lavoro di Promovarese con l’ingegner Roberta Besozzi, presidente della Consulta dei Professionisti in Camera di Commercio e al vertice provinciale dell’Ordine, ha fatto sì che l’assemblea nazionale degli stessi ingegneri si terrà proprio a Varese dall’8 al 10 maggio prossimi. Si parla di circa 300 persone che alloggeranno nelle nostre strutture per tre giorni!». Non basta, perché trattative per analoghe manifestazioni di rilievo nazionale sono in corso con altri enti, tra cui l’Ordine dei Consulenti del Lavoro e il Collegio dei Geometri.

 

 

 

 

18 febbraio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs