Varese

Varese, La Grande Guerra raccontata, tra canzoni popolari e vecchie cartoline

L'incontro al Teatro Santuccio

L’incontro al Teatro Santuccio

Va segnalata l’iniziativa che questa mattina si è tenuta al Teatro Santuccio di Varese, un’iniziativa targata Varese per l’Italia  26 maggio 1859 e dedicata al tema della Grande Guerra. Per la qualità culturale dell’incontro e l’attenzione che ha suscitato tra i presenti.

Sulle scale e in platea del teatrino erano seduti insegnanti e studenti delle scuole superiori varesine per ascoltare due relazioni di storici sulla grande tragedia, uno dei capitoli decisivi della storia contemporanea del nostro Paese.

Dopo la bella relazione del professor Antonio Orecchia, ottimo docente all’Università dell’Insubria, che ha parlato de “La Grande Guerra, il suicidio dell’Europa e le sue interpretazioni storiografiche”, è stata la volta del professor Enzo Laforgia del Liceo E. Cairoli di Varese che è intervenuto su “La Grande Guerra: dall’esperienza al mito”.

Laforgia ha scelto un approccio originale e di grande interesse: una parte della sua relazione era dedicata alle canzoni popolari nate per raccontare la Grande Guerra, canzoni semplici, capaci di evocare battaglie e vita di trincea, ma spesso dimenticate dalla storia. Come “O Gorizia tu sei maledetta”. Laforgia ricorda agli studenti che anni fa una realtà come Il Nuovo Canzoniere Italiano, gruppo di musicologi, si dedicò ad un prezioso lavoro di ricerca relativa alle canzoni popolari. Nacque un famoso spettacolo “Ci ragiono e canto”, a cui partecipò anche Dario Fo, ma Laforgia ha ricordato un altro spettacolo, “Le canzoni di Bella Ciao”. La canzone di Gorzia fu cantata in uno spettacolo da Michele Straniero, che per quella canzone subì un processo in quanto denunciato.

Il docente del Cairoli ha poi ricordato un’altra storia “minore”: quella raccontata nelle cartoline spedite da suo nonno all’allora fidanzata. Cartoline ritrovate nascoste in un cassetto che Laforgia aprì recentemente, trovandosi tra le mani una preziosa testimonianza, sia pure duramente colpita dalla censura militare.

13 febbraio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs