Milano

Expo, Il presidente Cattaneo: le parole-chiave della Carta di Milano

Un momento del confronto

Un momento del confronto

“La Carta di Milano valorizzi sussidiarietà, libertà, gratuità e prossimità”. Il Presidente del Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo, è intervenuto, nell’ambito dell’evento “The Ideas of Expo”, al tavolo di lavoro su Cascina Triulza, sottolineando la centralità e l’importanza che queste parole chiave devono avere nella Carta di Milano, documento che rappresenterà il lascito politico e morale di Expo.

“Prima di tutto la sussidiarietà -ha detto Cattaneo- perché è il principio che valorizza insieme libertà e responsabilità delle persone e quindi deve essere il punto di riferimento delle azioni delle istituzioni e di chi porterà avanti l’eredità di Expo. In quest’ottica dobbiamo permettere al mondo del volontariato di promuovere attività e iniziative in modo virtuoso, liberandolo dai freni di troppa, inutile burocrazia. La Lombardia, terra ‘regina’ del volontariato, è pronta a generare sempre più gratuità, anche a beneficio di una società colpita dalla crisi, purchè Stato, Regione e Comuni sappiano sostenere e valorizzare questa predisposizione”.

“La Carta di Milano -ha aggiunto Cattaneo- dovrebbe inoltre auspicare lo sviluppo di una serie di filiere di prossimità, che non sono il contraltare della globalizzazione, ma indicano strade importanti per rispondere alle necessità presenti e future e per aiutare chi resta indietro. Filiere di prossimità da incentivare e tutelare possono essere, ad esempio, quelle che si occupano di cibo per i più poveri. In Lombardia si è passati dai 261.063 assistiti del 2010 ai 329.746 assistiti del 2013, con un aumento del 26,31%. La rete sussidiaria che sovviene a questa necessità primaria mette in campo un’esperienza che Expo deve contribuire a far conoscere nel mondo, sviluppando opportunità e iniziative anche in questo ambito”.

Alla giornata di lavoro di oggi promossa dal Ministero delle Politiche agricole in collaborazione con Expo presso l’Hangar Bicocca di Milano partecipano oltre 500 esperti attraverso 42 tavoli di lavoro tematici suddivisi secondo 4 tematiche principali: cultura del cibo, energia per vivere insieme; le dimensioni dello sviluppo tra equità e sostenibilità; agricoltura, alimenti e salute per un futuro sostenibile; la città umana, futuri possibili tra smart e slow city.

Accanto alle sessioni di approfondimento, sono previste due sessioni plenarie la seconda delle quali sarà conclusa nel pomeriggio dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi, dopo un collegamento con l’ex Presidente del Brasile Lula. Anche Papa Francesco ha affidato a un videomessaggio la sua riflessione sul diritto al cibo e alla tutela della terra.

7 febbraio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs