Varese

Varese, Angeli anti-burocrazia in azienda. Basta chiamare numero verde

Maroni dialoga con i due Angeli anti-burocrazia

Maroni dialoga con i due Angeli anti-burocrazia

“E’ un ruolo importante, sono chiamati a risolvere i problemi delle imprese dal punto di vista della burocrazia. Iniziamo con 30 giovani, due per ogni provincia (tranne Sondrio, che ne ha uno solo, e Milano, che ne ha 8), con il compito di aiutare concretamente le aziende e riportarci quali sono le maggiori difficoltà che riscontrano i nostri imprenditori”. Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, che, questa mattina, ha partecipato, con l’assessore regionale alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione Mario Melazzini, alla presentazione dei due ‘Angeli antiburocrazia’ di Varese, alla Camera di Commercio della Città Giardino.

Gli ‘Angeli Anti Burocrazia’, entrati in servizio lo scorso 7 gennaio. Si tratta di 30 giovani neolaureati, selezionati da Regione Lombardia con un bando realizzato in collaborazione con Unioncamere, che sono a disposizione delle imprese, per aiutarle a superare tutti gli ostacoli che si trovano a fronteggiare quotidianamente nei rapporti con le Pubbliche amministrazioni.

Per il presidente del Pirellone, questa “è una sperimentazione importante, che, se funzionerà, siamo pronti a estendere. A giugno faremo una prima verifica e, se come penso, i riscontri saranno positivi, prorogheremo l’iniziativa aumentando anche il numero degli ‘angeli’”.  Operativamente, ha spiegato Maroni, “saranno gli ‘angeli’ ad andare direttamente in azienda. L’imprenditore che ha un problema non deve nemmeno recarsi alla sede territoriale di Regione Lombardia di Varese, gli basta chiamare il numero verde (Numero Verde di Regione Lombardia  800.318.318). Per contro, noi, come Regione, avremo una relazione su quali siano le maggiori criticità, settore per settore, che ci consentirà di intervenire in maniera ancora più efficace”.

Oltre al servizio di assistenza alle imprese, gli ‘angeli’ di Varese lavoreranno su due progetti: migliorare l’efficienza dei Suap, strumenti di semplificazione rispetto ai quali sono state segnalate molteplici criticità nei rapporti con le imprese; approfondire l’offerta di servizi volti al supporto e all’accompagnamento degli imprenditori, sia nella fase di avvio dell’attività d’impresa, sia per l’accesso alle risorse offerte tramite la forma dei bandi. L’attenzione alle tematiche inerenti il possibile incremento dei servizi permette di agevolare le imprese in tutti i momenti delicati della loro vita, aumentando la capacità attrattiva del territorio varesino, a fronte del fenomeno, in crescita da alcuni anni, di delocalizzazione delle imprese a  favore dell’area limitrofa del Canton Ticino.

Maroni ha confermato di “credere molto in questo progetto, che, insieme alle molte altre iniziative a sostegno del nostro tessuto produttivo portate avanti da Regione Lombardia, vuole cercare di favorire una ‘delocalizzazione al contrario’, ossia far tornare sul nostro territorio chi ha scelto di spostare l’attività in altri Paesi, non per esterofilia, ma perché, per sopravvivere, a volte diventa quasi una scelta obbligata”.

Il presidente lombardo, fra le numerose iniziative portate avanti dalla Regione, per “rendere più facile la vita ai nostri imprenditori”, ha ricordato quella a favore delle Start-up innovative, “per la quale sono arrivate centinaia di proposte” e alcune innovazioni tese alla ‘de-materializzazione’, come “la fatturazione e la ricetta medica elettronica”.

I due ‘Angeli Anti Burocrazia’ in servizio a Varese sono Chiara Cireddu e Chiara Uccelli.  “Tra le altre attività – ha spiegato l’assessore Melazzini – si occuperanno di due progetti specifici, legati alle esigenze del territorio di Varese”. Il primo riguarda il funzionamento degli Sportelli Unici per le Attività Produttive (Suap). L’obiettivo è incrementare l’efficienza dei Suap quali unici punti di riferimento per l’imprenditore, valorizzando i punti di forza e le buone pratiche e correggendo i punti di debolezza. Si tratta in particolare di favorire l’omogeneità dei servizi e delle procedure telematiche, la digitalizzazione delle pratiche, la tracciabilità del loro stato di avanzamento e l’adozione di una modulistica uniforme.

Il secondo progetto riguarda i servizi di supporto all’avvio e sviluppo di imprese sul territorio. L’obiettivo è semplificare il rapporto tra l’imprenditore e la Pubblica amministrazione, con particolare riferimento alla fase di avvio dell’impresa e dell’accesso alle opportunità contenute nei bandi. “E’ partito dal 27 gennaio – ha aggiunto l’assessore – un nuovo servizio di assistenza alle imprese e agli imprenditori, che potranno chiedere un supporto specifico attraverso il Numero verde unico di Regione Lombardia (800.318.318), gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 8 alle 20″.

All’incontro sono intervenuti, tra gli altri, Renato Scapolan (presidente della Camera di Commercio di Varese) e alcuni imprenditori, che hanno portato la propria testimonianza.

2 febbraio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs