Varese

Varese, “Ritratti di donne” con Serena Nardi nella rassegna “Red Carpet”

Un momento dello spettacolo

Un momento dello spettacolo

Nell’ambito della rassegna “Red Carpet” targata Giorni Dispari Teatro e Accademia Villa Bossi,  venerdì 23 gennaio alle ore 21 presso il Teatro Santuccio di Varese sarò proposto “Ritratti di donne”, testi di R.Bacchelli, C. Volpe, A. Wesker, N.Ginzburg, con Serena Nardi, Sarah Collu, Anna Angelini, per la regia di Vittorio Bizzi.

Un collage che avvicina 4 figure di donna in cui ognuna di noi può ritrovare qualcosa di sé: Alcestina, Lucia (nome d’arte: Ambra), Deborah e la donna della parrucca.

Sul palco ci apriranno le pagine del loro diario, le ante del loro armadio, la borsetta o il sacchetto della spesa, per farci dare uno sguardo alla loro vita, ai sogni mai realizzati o presto disillusi, al mestiere che fanno per tirare avanti ma nel quale non si sentono vive, al personaggio che interpretano ogni giorno, e alle nevrosi che le tengono per mano, come amiche fedeli. In lontananza vedremo gli uomini delle loro vite: nominati, descritti, amati, odiati, osannati, rispettati o ignorati, carnefici o vittime a loro volta, in un girotondo che si ricrea eternamente tra uomo e donna, tra felicità e insoddisfazione, tra vita vissuta o solo subìta, tra forza e debolezza, in un braccio di ferro che queste donne giocano sul palco parlando con noi, ma anche e soprattutto con sé stesse, per fare un bilancio, o forse solo una confessione a cuore aperto.

Una vedova che fugge dalla gabbia dei vestiti del lutto. Una prostituta che con semplicità racconta un mestiere scelto per necessità. Una madre soddisfatta e perfetta … che ci mostrerà il suo campionario di nevrosi e paranoie in una carrellata ai limiti della risata. Una moglie e il suo fiume di parole… non proprio leggeri da digerire.

Preparatevi a conoscerle, ad amarle o detestarle, a ridere dei loro guai, a riconoscervi in loro o, semplicemente, ad ascoltarle, e a portarvi a casa un pezzetto del loro cuore grande, e dell’immenso amore che sanno provare.

 

 

22 gennaio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs