Varese

Varese, Con una grande mano rossa Tomaino torna in città

La mano di Tomaino in via Copelli a Varese

La mano di Tomaino in via Copelli a Varese

Nell’aprile del 2012, a Varese, una grande mostra “en plein air” aveva creato curiosità e stupore: era la mostra con otto  grandi sculture rosse firmate dall’artista ligure Giuliano Tomaino.

La mostra aveva creato anche qualche polemica, un segnale della vivacità culturale di quell’iniziativa promossa dall’Associazione culturale Parentesi, in collaborazione con lo Spazio Lavit e con Palazzo Estense.

Ora l’artista Tomaino torna a Varese con una sua scultura rossa dal titolo “Sono qui”, una grande mano che saluta e che è stata collocata in via Copelli, davanti alla palazzina che ospita l’assessorato all’Ambiente.

Ancora una volta è stata l’Associazione Parentesi presieduta da Alberto Lavit, ad offrire al Comune di Varese questa scultura, che ha il significato di dare il benvenuto a chi arriva nella città giardino, un benvenuto particolarmente indicato in vista dell’Expo che sta per arrivare.

15 dicembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs