Varese

Varese, Pugno di ferro della Polizia contro i topi d’appartamento

auto-polizia-23112012La Polizia di Stato di Varese nelle ultime settimane ha notevolmente implementato i già predisposti servizi di controllo del territorio. Un piano che durerà per tutto il periodo natalizio.

L’approssimarsi delle festività natalizie richiede, infatti, maggiore attenzione ad alcuni reati che sono suscettibili di aumento in ragione della più intensa circolazione di denaro e merci. Le cerimonie religiose e le varie attività che caratterizzano il periodo natalizio, con la consueta notevole affluenza di persone nei luoghi di culto o di forte richiamo di pubblico, le partenze, per periodi più o meno lunghi per le vacanze, potrebbero costituire occasione per l’attuazione di disegni criminosi.

In questo contesto la Polizia di Stato nel territorio varesino ha ritenuto necessario promuovere e realizzare adeguati e mirati servizi di prevenzione volti a contrastare con efficacia e tempestività le manifestazioni tipiche della criminalità diffusa.

Intensificato il servizio controllo del territorio svolto dall’ufficio prevenzione Generale e soccorso Pubblico nelle aree cittadine e nelle zone residenziali più colpite dal fenomeno dei furti in abitazione e negli esercizi commerciali. Raddoppiati i posti di blocco e predisposti pattugliamenti, anche, delle possibili vie di fuga.

Pianificata una strategia di intervento, sul territorio dell’intera provincia, dei reparti di rinforzo “Reparti Prevenzione Crimine” che interverranno in tutti i comuni della provincia, anche quelli privi di presidi di polizia (da Busto Arsizio a Saronno, da Luino a Varese).

In centro cittadino dalle 8.00 alle 20.00 sono state predisposte “pattuglie appiedate di controllo del territorio” che si affiancheranno al tradizionale poliziotto di quartiere per svolgere, oltre alla polizia di prossimità, una più intensa attività di prevenzione delle più comuni manifestazioni delittuose a danno degli esercizi commerciali e dei cittadini, per una maggiore sicurezza e tranquillità sociale.

Intensificati i “servizi in borghese” svolti dai reparti investigativi per una più intensa capacità repressiva e di individuazione degli autori dei reati. In tale ambito sono stati conseguiti dei risultati particolarmente significativi.

Nel pomeriggio di giovedì sono tate denunciati 3 stranieri trovati in possesso di vari arnesi atti allo scasso (guanti, mazze ferrate, chiavi alterate etc.) e materiale idoneo per aprire o forzare serrature o saracinesche.

Gli agenti, notati i tre uomini, di 18, 24 e 32 anni tutti con precedenti in materia di reati predatori, mentre in auto percorrevano una zona residenziale a Induno olona, li hanno controllati, rinvenendo il materiale e accertando il loro stato di clandestinità. Sono stati pertanto accompagnati in Questura. Espletati gli adempimenti di rito, gli uomini stati denunciati per il possesso ingiustificato degli arnesi ed in seguito espulsi da territorio nazionale.

Nella notte di giovedì, in via Rodari, grazie al contributo di una signora residente, la polizia arrestato un macedone del ‘64, in flagranza di reato. L’uomo, dopo aver forzato diversi garage, ha tentato di rubare una bici e se non fosse stato sorpreso avrebbe rubato molto altro. A poca distanza dal luogo, infatti, aveva parcheggiato un furgone per caricare la refurtiva all’interno del quale sono state trovate altre bici rubate e di cui si cerca ancora il legittimo proprietario. È stato sorpreso mentre era nascosto nei sotterranei.

Nella serata di venerdì sono stati effettuati dei controlli amministrativi presso alcuni esercizi pubblici nel capoluogo. Tre locali del centro sono risultati in regola con la normativa. Non così per una sala bingo in periferia e per un locale in viale Aguggiari.

Nel primo i vari illeciti hanno portato alla constatazione di circa 20.000 euro di sanzione. Questi gli illeciti: mancata esposizione degli orari e dei menu degli alimenti serviti, mancata installazione di giochi che non prevedono vincita in denaro, mancanza di etilometri a disposizione della clientela all’uscita dal locale, mancanza di porte in vetro trasparenti e di idonea sala fumatori e, infine, mancanza di cartello indicante presenza di sistemi di videosorveglianza.

Il locale di via Aguggiari è stato, invece sanzionato per 14.000 euro. Riscontrate la mancata esposizione di licenze, la mancanza di etilometri a disposizione di dei clienti e la mancanza del cartello informativo sulla presenza di telecamere.

Nella notte di venerdì, grazie alla segnalazione di una signora residente in via Maspero, gli agenti hanno arrestato un trantaseienne marocchino, clandestino senza fissa dimora e con vari precedenti. L’uomo, che si aggirava tra le auto in sosta in quella via, non accorgendosi degli agenti, ha sfondato con un sasso il vetro di una utilitaria rubando una borsa che era all’interno. Processato con giudizio direttissimo sabato mattina.

14 dicembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs