Varese

Varese, Ato, Aspem vs. Comune, il Pd Conte: prendere contromisure

In primo piano Luca Conte

In primo piano Luca Conte

In relazione al ricorso al TAR presentato da ASPEM-A2A contro la delibera adottata dal Consiglio comunale di Varese alla società Alfa di ATO e al Piano d’ambito, interviene il consigliere comunale del PD Luca Conte.

“Dal 2009, ASPEM non è più una municipalizzata ma fa parte di A2A che è una società quotata in borsa. Il Comune di Varese, tuttavia, anche se per una piccola quota, ne è rimasto socio. Da allora, ho avvertito, inutilmente, l’Amministrazione Fontana che, mentre il Comune di Varese continuava ad intrattenere con ASPEM-A2A gli stessi rapporti di prima, ASPEM-A2A agiva, legittimamente, nell’ottica di tutelare i propri interessi e di massimizzare i propri utili. Ogni anno, ASPEM-A2A ottiene, per i servizi che svolge, un utile di circa 4 milioni di euro dai cittadini e dalle imprese di Varese”.
“Come è mai possibile – continua il consigliere Conte – che una società di cui il Comune è socio faccia un ricorso al TAR contro il Comune medesimo?
Di fronte all’evidenza dei fatti, che dimostra come ASPEM-A2A ragioni, legittimamente, nell’ottica di tutelare i propri interessi e di massimizzare i propri utili, è indispensabile che sindaco e Giunta si sveglino prendendo le necessarie contromisure per tutelare i cittadini e le imprese di Varese.”

12 dicembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs