Varese

Varese, L’export perde smalto rispetto a Lombardia e Italia

Resi noti dati su export di Varese

Resi noti dati su export di Varese

In un contesto di difficoltà generalizzata, con i problemi collegati a un mercato importante come quello russo e il rallentamento di paesi emergenti quali Cina e Turchia, il Sistema Varese perde un po’ di smalto sul fronte dell’export.

I dati cumulativi del periodo gennaio-settembre – appena resi noti da Istat e pubblicati sul portale statistico della Camera di Commercio “OsserVa” – segnalano infatti un calo del 2,6% rispetto ai primi tre trimestri dello scorso anno, a quota 7 miliardi e 134milioni di euro. Cifre che risultano peggiori rispetto a quelle analoghe di Lombardia (+0,3%) e Italia, che addirittura evidenzia una crescita dell’1,4% nelle vendite all’estero.

Ritornando al dato locale, quali i settori che hanno manifestato le maggiori difficoltà nel commercio internazionale? La prima voce negativa, pur su un export complessivo che ammonta a 1 miliardo e 411milioni, è quella relativa ai mezzi di trasporto (-9,5%). In ridimensionamento anche la chimica-farmaceutica (-20,5%), i prodotti in metallo (-9,8%) e l’elettronica (-18,2%).

A fronte di questa situazione, c’è un import in risalita: +6,5% a 4 miliardi e 400milioni. Resta comunque ampio il saldo attivo della bilancia commerciale varesina: considerando sempre il periodo gennaio-settembre, ammonta infatti a 2 miliardi e 734milioni.

11 dicembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs