Varese

Varese, La Grande Guerra spiegata dal Calendario dell’Esercito 2015

La presentazione del calendario a Villa Recalcati

La presentazione del calendario a Villa Recalcati

Presentato questa mattina a Villa Recalcati a Varese il CalendEsercito 2015. Il calendario realizzato dallo Stato maggiore dell’Esercito ha la Grande Guerra come inevitabile tema, considerato un secolo dall’entrata in guerra dell’Italia. Titolo del calendario, che mixa scritti, immagini, racconti, curiosità, è “La Grande Guerra…un Popolo in Armi”. A lanciare il calendario tutto da leggere il Generale di Brigata, Antonio Pennino, Comandante regionale Esercito Lombardia.

Un breve confronto sul calendario, condotto dal giornalista sportivo Gianluca Rossi, rigorosamente in divisa, in quanto impegnato come Ufficiale Riservista dell’Esercito Italiano, si è svolto davanti ad una platea di studenti provenienti dalle alcune scuole varesine: Liceo Cairoli, Maria Ausiliatrice, Isis Newton, Ipc Einaudi. Al tavolo dei relatori anche il bravo direttore di Rete 55, Matteo Inzaghi.

Al dibattito che ha presentato il calendario dedicato alla Prima guerra mondiale, oltre al generale Pennino, ha partecipato il Prefetto Giorgio Zanzi. “Un conflitto al quale anche questo territorio ha offerto un significativo contributo come dimostra il fatto che non c’è Comune che non abbia un monumento dedicato ai caduti in questa guerra”. “Un conflitto – ha continuato Zanzi – che rappresenta la prima volta in cui gli italiani hanno fraternizzato, si sono conosciuti veramente, dal nord al sud, prima dell’avvento della tv”.

Ha poi preso la parola il vicepresidente della Provincia di Varese, Giorgio Ginelli: “Quella del primo conflitto mondiale è una storia che andrebbe approfondita a scuola, essendo stato un momento di grande partecipazione del nostro popolo ad una guerra epocale”. “Oggi l’esercito porta la pace nel mondo, ma continua anche ad essere un forte segno di coesione nazionale e una realtà a difesa dello sviluppo di cui tutti noi godiamo”.

 

10 dicembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs