Varese

Varese, Torna “Mettiti in giallo contro il razzismo” sul palco Coopuf

stranieriIn questi ultimi mesi è tornato nel paese lo spettro della xenofobia. Il peggioramento della situazione economica e quindi della condizione sociale sta dando luogo, soprattutto nelle situazioni di maggiore degrado, alla lotta tra poveri, dove è facile trovare tra i più marginali il capro espiatorio da colpire. Naturalmente è lo straniero, soprattutto nella condizione di profugo, a cui si addebita la sottrazione di risorse, che dovrebbero invece essere utilizzate per i bisogni sociali dei nativi.

In questo contesto è facile rispondere a reali contraddizioni, che come tali dovrebbero essere affrontate, con campagne politico-ideologiche a sfondo xenofobo, quando non apertamente razzista.

E’ appunto quanto sta avvenendo nel nostro paese da parte di alcune forze politiche insieme a gruppi politico-culturali, che stanno cavalcando irresponsabilmente un forte e comprensibile malessere sociale contro le politiche di accoglienza dei profughi, contro i campi delle comunità Rom e Sinti, contro l’immigrazione nel suo insieme.

In questa situazione il Coordinamento Migrante di Varese trova un motivo in più per richiamare con forza i valori che stanno alla base della nostra convivenza civile ed in particolare quelli sanciti nella dichiarazione dei diritti dell’uomo, la più importante conquista di civiltà della nostra storia, a cui guardare sempre come il fondamento della nostra politica.

Anche quest’anno, il 10 dicembre, ne cade l’anniversario, che il Coordinamento Migrante vuole di nuovo riproporre alla cittadinanza, come negli ultimi anni passati, con la propria campagna di “METTITI IN GIALLO CONTRO IL RAZZISMO”. E’ la proposta di un piccolo gesto, che richiama però grandi valori. Quest’anno la campagna sarà propagandata anche tramite l’affissione di manifesti nel comune di Varese e Busto Arsizio, che chiederanno di indossare qualcosa di giallo, inviandone la foto all’indirizzo mail del coordinamento o facendosi un selfie usando l’hashtag #ingiallovarese.

Accanto alla campagna ricorrente, il Coordinamento Migrante propone anche uno spettacolo in collaborazione con la bottega equo solidale di Varese “Mondi Possibili”, che si terrà domenica 30 novembre, presso la Cantina CoopUF (sotto il Twiggy) a Varese, via De Cristoforis, alle ore 21.00, all’interno della rassegna cinematografica Un Posto nel Mondo. Si tratta di un monologo teatrale, RIDIRWANDARIDI, RACCONTI DI UN BAMBINO SILENZIOSO, interpretato da Elisa Canfora. Lo spettacolo tratta di vicende di bambini, adulti, intere famiglie la cui vita è stata spezzata o irrimediabilmente sconvolta dal conflitto etnico che si scatenò in Rwanda nell’aprile del 1994.

E’ un monito per capire le storie che muovono tanti profughi che arrivano sulle nostre coste a chiedere accoglienza, ma anche per capire quali conseguenze possa avere la progressiva perdita di fiducia nel “diverso”, fino a concepirlo solo come nemico da eliminare. E’ un appello a non abbandonare mai i valori democratici fondanti della nostra società e della nostra civiltà. Alla fine della serata la bottega Mondi Possibili offrirà una degustazione di panettoni, pandori e cioccolato equo solidali.

28 novembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs