Ispra

Ispra, Semaforo verde per nuovo Pgt. Trenta incontri con i cittadini

L'assessore Cetrangolo

L’assessore Cetrangolo

Lo scorso 21 Novembre, durante la seduta del Consiglio Comunale, è stato approvato il Piano di Governo del Territorio del Comune di Ispra. Tale piano trova le sue origini nel 2008 seguendo un complesso iter fatto di approfondimenti, analisi, studi ed indagini atti a fotografare il nostro territorio, il suo tessuto sociale, i suoi potenziali sviluppi al fine di racchiuderli all’interno del nuovo strumento di pianificazione.

Tale primo lungo e composito lavoro di analisi e di verifica che ha coinvolto soggetti pubblici e privati, Enti, Associazioni e privati cittadini ha avuto termine il 20 marzo 2014 mediante l’ADOZIONE del piano.

“Il PGT che si è formato – dichiara l’Assessore all’Urbanistica ing. Francesco Cetrangolo – è stato ereditato dall’attuale nuova Amministrazione che ne ha apprezzato la qualità e gli sforzi. Difatti il PGT approvato nei giorni scorsi, ha tenuto conto dei valori e dei principi fondamentali della sostenibilità intesa come garanzia di uguale possibilità di crescita del benessere di tutti i cittadini e di salvaguardia dei diritti delle future generazioni, che significa quindi progettare il futuro salvaguardando il nostro territorio. Il Piano antepone così, alle nuove previsioni di sviluppo, la conservazione del patrimonio storico-culturale e ambientale esistente attraverso la valorizzazione e la riqualificazione nelle sue componenti territoriali, urbane e ambientali”.

Alle nuove azioni di piano viene affidato il compito di valorizzare, completare e integrare quello che già esiste e che già caratterizza e qualifica il tessuto urbano e l’intero sistema locale che, come è noto, si inserisce in un contesto dove le componenti “naturali” sono di gran lunga prevalenti rispetto alle componenti “antropiche”.

Il processo partecipativo per l’approvazione finale ha avuto avvio dapprima con la messa a disposizione, del piano adottato, sul sito del Comune e successivamente con il deposito, nella scorsa primavera, delle osservazioni da parte dei privati e degli Enti preposti. Inoltre, il Sindaco, l’Assessore all’Urbanistica e l’Ufficio tecnico del Comune si sono messi a disposizione della popolazione per incontri diretti nel corso dei quali i cittadini hanno potuto illustrare personalmente i termini delle loro osservazioni e proposte.

“Sono stati più di 30, continua l’Assessore Cetrangolo, gli incontri presso il Comune con i singoli cittadini che ne avevano fatto richiesta. La Commissione Urbanistica ha potuto cosi approfondire gli argomenti in esso affrontati. Inoltre, al fine di rendere ancor più chiaro e comprensibile il lungo iter che ha portato fino all’approvazione, sono state fatte diverse riunioni fra gli Amministratori di maggioranza e di minoranza, alla presenza anche dei dipendenti dell’Ufficio Tecnico comunale. E’ stato quindi fondamentale e importantissimo il grande lavoro svolto dagli uffici comunali con lo scopo di attuare un processo partecipativo “reale” e non burocratico attraverso un confronto che consentisse ai cittadini di conoscere al meglio il Piano e quindi presentare osservazioni pertinenti e motivate, utili anche per verificare le soluzioni tecniche adottate e perfezionare gli strumenti applicativi e gestionali del PGT”.

Il PGT approvato limita al massimo il consumo di suolo per i nuovi insediamenti e affina gli strumenti per la tutela del paesaggio e dell’ambiente attraverso la responsabilizzazione dei cittadini e dei progettisti anche attraverso la classificazione dell’intero territorio in gradi di sensibilità paesistica, l’approntamento della Zonizzazione acustica e la disciplina del reticolo idrico minore.

La politica di conservazione e valorizzazione delle peculiarità storico-architettoniche viene proseguita e adeguata nel solco già tracciato con l’attuazione del P.R.G. (vengono sostanzialmente confermate le tutele dei nuclei storici e degli edifici di valore storico-testimoniale) proponendo incentivi per il recupero abitativo e per la promozione di attività ricettive diffuse.

Il Sindaco Melissa de Santis sottolinea inoltre che, per quanto riguarda inoltre il settore commerciale, l’obiettivo è quello di proteggere le attività commerciali di vicinato che rappresentano un elemento di vitalità sociale di grande importanza soprattutto per i Centri storici e le località periferiche.

“Inoltre, continua il Sindaco, una delle principali azioni che questa Amministrazione intende promuovere con il PGT, è la promozione del turismo, azione che dovranno essere accompagnata da una attenta opera di sensibilizzazione soprattutto nelle classi giovani. La realizzazione di nuove strutture turistico-ricettive è connessa principalmente all’obiettivo di valorizzare le risorse naturali e paesaggistiche del territorio”.

In via generale l’accoglimento delle osservazioni ha recepito proposte di perfezionamento degli aspetti attuativi, di messa a punto di alcuni aspetti di dettaglio riguardanti attrezzature e infrastrutture, di previsione di limitate integrazioni di capacità insediativa residenziale e proposte di alcune nuove previsioni per attività turistico-ricettive che vanno nella direzione auspicata dalla Amministrazione e contenuta negli stessi obiettivi che si è posto il PGT adottato in precedenza.

L’applicazione dei criteri di valutazione adottati dalla Amministrazione comunale insieme all’Ufficio Tecnico Comunale e ai tecnici redattori del Piano hanno comunque consentito di accogliere in tutto o in parte un numero considerevole di proposte avanzate dai Cittadini, confermando sia l’impianto generale che le scelte insediative, infrastrutturali e di tutela dell’ambiente e del territorio.

Il periodo di pubblicazione del Piano, al di là dei suoi aspetti meramente formali, potrà costituire il momento e il luogo per diffondere il più possibile la conoscenza del Piano, delle sue scelte, dei meccanismi di lettura e di interpretazione, con uno sforzo rilevante in termini umani e di risorse economiche poste al servizio di tutti coloro che hanno interesse a partecipare attivamente al suo processo formativo.

“Siamo fieri di aver potuto dare il nostro apporto e approvare un lavoro durato circa sei anni – dichiara l’Assessore all’Urbanistica – un impegno complesso, importante e determinante per lo sviluppo e la pianificazione, non solo urbanistica, del Comune di Ispra”.

28 novembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs