Varese

Varese, “Liberi per Varese” debutta in Consiglio, ma guarda oltre

Da sinistra Pramaggiore, Puricelli e Imperatore

Da sinistra Pramaggiore, Puricelli e Imperatore

Il centrodestra varesino esclusa la Lega Nord ha dato vita a “Liberi per Varese”, un gruppo che in Consiglio comunale raggruppa Forza Italia, Udc, il consigliere Mauro Pramaggiore, che resta Ncd ma ha lasciato il gruppo Ncd. Fuori dal Consiglio, a queste sigle si aggiungono Fratelli d’Italia e Patto Civico. Un nuovo gruppo, dunque, che nasce sulle ceneri della crisi che ha portato all’esclusione del vicesindaco Carlo Baroni e l’uscita dalla maggioranza di tre su quattro consiglieri comunali. Al momento in Consiglio avrà 9 consiglieri e 5 assessori più il presidente del Consiglio. Capogruppo sarà Ciro Grassia (già capogruppo di Forza Italia), mentre responsabile amministrativo all’esterno sarà l’attuale coordinatore cittadino forzista Roberto Puricelli. Nessun coordinatore politico unico, almeno per ora.

Prima iniziativa in città del nuovo gruppo sarà il convegno che si terrà domani 25 novembre alle ore 21 presso la Sala Montanari di Varese, un momento dedicato al Manifesto del centrodestra lanciato dal coordinatore provinciale di Forza Italia, Lara Comi. Il convegno è in realtà promosso dalle tre associazioni legate alle varie tessere del mosaico: Agorà (Forza Italia), Varese Attiva (Udc) e Libertas (una realtà con sede a Busto Arsizio a cui fa riferimento Pramaggiore e Angelini). Convegno aperto a tutti coloro che guardano al centrodestra con interesse.

Per quanto riguarda la nuova realtà del centrodestra, Pramaggiore parla di una “nuova configurazione del centrodestra in vista delle prossime amministrative del 2016″. Per quanto riguarda l’alleanza con una Lega sempre più a destra, con accenti lepenisti, Pramaggiore sostiene che “occorre guardare al di là degli slogan, ai fatti concreti”. Comunque porta aperta al dialogo, tranne nel caso ci fossero “scelte aprioristiche legate a razze o provenienza geografica”.

Il capogruppo Udc Ennio Imperatore rimarca che il cambiamento che si è prodotto nella giunta Fontana con l’ingresso dell’Udc Morello “punta a dare più forza propulsiva ai progetti fermi in città”, in particolare alla riqualificazione di piazza Repubblica e al nuovo teatro.

Il forzista Roberto Puricelli cita, come priorità, il masterplan di piazza Repubblica (in Commissione il 4 dicembre) e l’illuminazione della città. “In quest’ultimo caso “Baroni ha avuto tempi più lenti, ma aveva già messo in itinere questo intervento”. Per quanto riguarda la Lega Nord, Puricelli dice che Salvini non potrà essere leader del centrodestra “per le sue posizioni lepeniste”. E quanto, invece, ai cugini dell’Ncd, il presidente del Consiglio comunale dichiara “stiamo ancora aspettandoli per un incontro pubblico e dimostrare che siamo sulla stessa barca”.

 

 

24 novembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs