Varese

Varese, “Evolushow”, Brignano si scatta un maxi-selfie con gli spettatori

Il selfie che Brignano ha scattato dal palco dell'Ucc Teatro

Il selfie che Brignano ha scattato dal palco dell’Ucc Teatro

Solo pochi minuti, una penna che scorre su un foglio, tante immagini della nostra storia che si accendono sul palco, dai giudici di Mani Pulite a Falcone e Borsellino, per una lettera ad un ragazzo di oggi scritta da un “48enne spaesato”.

E’ l’unico momento non tanto commuovente, ma introspettivo e intimo dello spettacolo pirotecnico che Enrico Brignano ha portato per due sere consecutive sold out all’Ucc Teatro di Varese, dal titolo “Evolushow”. Un breve momento per parlare di ciò che cambia, ma spesso non in meglio. Per il resto dello spettacolo del comico romano, è battuta continua.

A fare da fil rouge del nuovo spettacolo super-tecnologico di Brignano l’evoluzione del mondo e dell’uomo. Ma è solo un facile pretesto per attraversare, con una cavalcata formidabile, il mondo dei sentimenti, dei rapporti tra uomo e donna nell’era della rivoluzione web e del predominio assoluto di Whatsapp. Anzi, proprio a quest’ultimo è dedicato uno dei passaggi più comici dello spettacolo. Un paio d’ore di battute e di giochi di parole, di canzoni “live” e di riflessioni su Charles Darwin (chiamato “Carletto”), con un ritmo frenetico e senza alcun intervallo. Una prova da grande monologhista, un’overdose di comicità ed ironia, da un attore che si potrebbe quasi definire l’anti-Crozza.

Perchè se Crozza va con la mano pesante sui politici, ogni settimana ne umilia l’arroganza e bastona i privilegi, al contrario Brignano sembra considerare i politici abbastanza irrilevanti: nessuna ironia su Renzi, nessuna legnata alla classe politica. Soltanto una continua, ostinata, divertente messa alla berlina dei difetti e degli stereotipi di tutti noi, pronome che Brignano sembra preferire più di ogni altro. Al punto di scattarsi un selfie insieme a tutto il teatro varesino e di postarlo in diretta sulla sua pagina Facebook.

 

 

 

 

 

23 novembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs