Varese

Varese, I Carabinieri celebrano la Virgo Fidelis del Bicentenario

Un momento della celebrazione

Un momento della celebrazione

Partecipata e raccolta, la celebrazione a Varese della Virgo Fidelis nell’anno del bicentenario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri. La devozione alla Virgo Fidelis risale al 1949, quando Pio XII la proclamò ufficialmente Patrona dei Carabinieri, fissandone la ricorrenza al 21 novembre, data in cui la Cristianità celebra la festa liturgica della Presentazione di Maria Vergine al tempio, ma anche anniversario della “Battaglia di Culqualber”.

Fu quest’ultima una durissima battaglia che si verificò il 21 novembre del 1941 in terra d’Africa, quando un intero battaglione di Carabinieri si sacrificò nella strenua difesa, protrattosi per tre mesi, del caposaldo di Culqualber. Alla bandiera dell’Arma dei Carabinieri fu conferita, per quei combattimenti, la seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare, dopo quella ottenuta per la Prima Guerra Mondiale.

Si sono recati nella Basilica di San Vittore, i Carabinieri di Varese, a partire dal Comandante provinciale dell’Arma, Alessandro De Angelis. Attorno a lui gli uomini e le donne dell’Arma, insieme ai vertici civili e militari del nostro territorio. Oltre al Prefetto, Giorgio Zanzi e al questore Francesco Messina, c’erano anche l’assessore Carlo Piatti in rappresentanza del Comune e il vicepresidente della Provincia Giorgio Ginelli. Presente anche il presidente del Tribunale, Vito Piglionica.

La messa è stata presieduta dal vicario episcopale, monsignor Franco Agnesi, ma un breve saluto iniziale è stato portato dal prevosto di Varese, monsignor Gilberto Donnini. Ha concelebrato la messa il cappellano don Giorgio Spada. “Maria è un modello di consacrazione, di dedizione, un modello scelto dai Carabinieri”, ha detto, nel corso dell’omelia, monsignor Agnesi. “Una fedeltà al servizio – ha proseguito il vicario episcopale – mantenuta anche a costo di sacrificio, fatica, anche qualche umiliazione. Nel caso dei Carabinieri, dobbiamo essere loro riconoscenti perchè dedicano la loro vita al bene comune, alla vita e al bene dei fratelli”.

 

 

FOTO

22 novembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs