Varese

Varese, Urbanistica nell’impasse: Masterplan “fluido” e Consulta che non c’è

La seduta della Commissione

La seduta della Commissione

Commissione Urbanistica nell’impasse. La riunione aveva questa sera, all’ordine del giorno, l’approvazione dell’attesissimo Masterplan sul comparto di piazza Repubblica del Comune di Varese e del progetto di riqualificazione urbana di via Rossini e di via Donizetti. Due questione al centro delle polemiche e dell’attenzione di cittadini e commercianti. Ma né l’uno né l’altro argomento è stato affrontato e la Commissione si è sciolta. Il motivo? Semplice: non era stata convocata la Consulta per la qualità  urbana, prevista dal Pgt e costituita da quattro esperti selezionati mediante apposito bando pubblico.

A rimarcare l’assenza dei saggi il consigliere Pd Andrea Civati ad inizio seduta, un’assenza che non ha consentito di affrontare nessuno dei primi due punti all’ordine del giorno.

Tuttavia, per quanto riguarda il Masterplan di piazza Repubblica, l’assenza della Consulta non è stato l’unico ostacolo. Della partita della riqualificazione della piazza e del nuovo teatro si occupa il neo-assessore Udc alle Opere Pubbliche, Mauro Morello. Il quale ha preso la parola per confessare che il Masterplan non era ancora disponibile e dunque non poteva essere presentato. “Oggi siamo in una situazione fluida – ha detto Morello -. In una prossima Commissione si potrà discutere sul documento”. Efficace il giudizio del Cinque Stelle Cammarata: “Una situazione imbarazzante”.

A questo punto rimaneva sul tavolo soltanto il terzo punto: quello della classificazione degli edifici storici, quasi cinquemila a Varese, ovvero gli edifici realizzati prima del 1953. Come classificare tanti edifici? Quale tempistica andava prevista? Quante Commissioni si devono convocare per svolgere il pesante compito? Un punto che ha portato ad uno scontro, in Commissione, tra l’assessore all’Urbanistica Binelli e il consigliere Pd Civati. Al centro dello scontro la possibilità di coinvolgere, da parte dell’assessore, della Consulta. “No, la Consulta è uno strumento della Commissione – ha detto Civati – e non può essere a servizio dell’assessore. L’assessore può sentirli come liberi professionisti e non come membri della Consulta”. “Non mi deve dire lei – ribatte l’assessore – con chi posso o no parlare”.

Una disputa terminata, come ha detto il presidente della Commissione Giampaolo, con la individuazione di criteri che saranno discussi in Commissione, e poi con un esame caso per caso. Un esame che rischia, tuttavia, di protrarsi a lungo.

Chiusura della Commissione: la richiesta del presidente Giampaolo di inserire nella prossima Commissione il tema della riapertura di via Spinelli, altra storia infinita del dibattito politico.

20 novembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs