Regione

Regione, Legge consumo di suolo, due terzi di emendamenti non ammessi

pirelli - CopiaLegge sul consumo di suolo, è partita la battaglia delle opposizioni. A farla da padrone il Movimento 5 Stelle che ha esposto uno striscione e poi, nel pomeriggio, ha anche occupato i banchi della presidenza. Fuori dall’Aula le associazioni ambientaliste protestavano contro la legge.

Tutto è iniziato con una ghigliottina caduta sugli emendamenti. Prima dell’inizio delle votazioni in merito al progetto di legge, di fronte ai 3016 emendamenti presentati, il Presidente del Consiglio, Raffaele Cattaneo, ha illustrato quelli ritenuti ammissibili. Gli uffici hanno esaminato gli emendamenti e ne hanno ammessi soltanto 945. Innammissibili, invece, 1198, di cui 12 “vuoti” (pagine bianche), ed i restanti 1186 perché o di contenuto puramente formale, o perché privi di contenuto normativo  o perché non inerenti al testo in discussione, oppure perché contenenti frasi sconvenienti.

Altri 873 sono stati dichiarati uguali fra loro e quindi anch’essi non ammissibili. Collegati al testo in discussione sono stati presentati 6 ordini del giorno, 4 da esponenti del PD e 2 del Gruppo M5Stelle. Il Consiglio ha iniziato l’esame e il voto degli emendamenti all’art. 1 del progetto di legge.

In serata, ieri, su proposta del capogruppo del PD Enrico Brambilla, alle ore 22.40 la seduta di Consiglio regionale è stata sospesa e riprenderà mercoledì 19 novembre alle ore 10: la richiesta di sospensione è stata motivata con la necessità di valutare e approfondire i nuovi emendamenti sul progetto di legge di contenimento del consumo di suolo presentati in serata dalla maggioranza.

La seduta riprenderà con la votazione degli emendamenti relativi all’art.2: con 44 voti a favore e 25 contrari il Consiglio regionale ha approvato l’art.1 del provvedimento, composto di 6 articoli complessivi.

 

19 novembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs