Busto Arsizio

Busto Arsizio, Farioli potrebbe essere deferito ai probiviri di Forza Italia

Pedroni e Marsico

Pedroni e Marsico

Secondo Forum assembleare delle Associazioni “Agorà Liberi e Forti” in programma sabato 22 novembre a Milano, presso il Centro Congressi della Provincia, a partire dalle ore 9.30. Un momento di confronto a cui parteciperà anche Agorà di Varese e che vedrà la presenza dell’onorevole Maria Stella Gelmini, coordinatrice regionale di Forza Italia, dell’onorevole Giovanni Toti, consigliere politico di Forza Italia e del vicepresidente del Pirellone, Mario Mantovani.

“Agorà è una realtà che non si esaurisce in Forza Italia, come dimostra il fatto che suoi iscritti non hanno la tessera forzista”, spiega Marcello Pedroni, presidente di Agorà e responsabile forzista per gli enti locali a livello provinciale. “Puntiamo ad una aggregazione di forze riformiste alternativa al centrosinistra – continua Pedroni -, che si è concretizzata alle ultime elezioni provinciali”. In futuro, il 24 novembre, Agorà organizza un’iniziativa con l’Udc varesino, mentre per il momento punta ad un centrodestra allargato che includa il Carroccio. Anche se – come sottolinea Pedroni – “non abbiamo nulla a che fare con una prospettiva lepenista, restiamo fedeli al PPE”.

Per il consigliere regionale e vicesegretario vicario provinciale forzista Luca Marsico, reduce dalle congratulazioni di Berlusconi per l’associazione, occorre ripartire da un criterio meritocratico, come è già avvenuto al momento della scelta del candidato per il Pirellone, quando Agorà fece ricorso alle primarie. Duro il giudizio su Ncd: “Nonostante ci avessero accusati di scarsa democrazia, la loro stagione congressuale, spesso annunciata, non è mai partita”. “Nella vicenda relativa alle elezioni provinciali – continua Marsico – sono stato un falco, ma io ritengo che la coerenza sia uno dei valori non negoziabili. Finché Ncd sosterrà una coalizione con Pd e Sel, non potrà entrare nella costruzione di un’offerta politica di centrodestra”.

Pedroli e Marsico annunciano sulla situazione di Busto Arsizio un direttivo provinciale di Forza Italia per domani sera 18 novembre. A differenza di Varese, a Busto Arsizio il sindaco Gigi Farioli non si allinea alla direttiva di espellere gli Ncd dalle giunte di centrodestra. “In questo direttivo Farioli potrebbe essere deferito ai probiviri regionali”. 

17 novembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs