Varese

Varese, Patronati nelle strade per dire no ai tagli del governo

Mobilitazione in centro a Varese

Mobilitazione in centro a Varese

Due presidi, questa mattina, promossi da Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil e Ital-Uil in Corso Matteotti e in piazza XX Settembre a Varese. Ma anche numerosi volantinaggi e dialoghi con i varesini nelle vie limitrofe, tra coloro che entravano nei negozi e quelli che si rifugiavano dalla pioggia battente sotto i portici.

Una giornata di mobilitazione contro i tagli ai patronati contenuti nella Legge di Stabilità del governo Renzi. Grande l’allarme da parte di patronati e sindacati per i tagli annunciati, ma soprattutto per le ricadute che essi potranno avere sui segmenti più deboli della popolazione, a partire dai pensionati.

Tagli previsti, quello al Fondo patronati (da 430 milioni si arriverà a 150 milioni), oltre a quello nei confronti del prelievo sul contributo dei lavoratori dipendenti, taglio che sarà pari al 34,5%. Prevista anche una sforbiciata agli acconti che, per i loro servizi, vengono dati dallo Stato ai patronati. Tutto questo comporterà una difficoltà, quando non una vera e propria impossibilità, a mantenere quei servizi gratuiti che oggi i patronati assicurano a tutti coloro che bussano alla loro porta.

Contro tutto ciò forte mobilitazione a Varese. Soprattutto con la finalità di spiegare gli effetti dei tagli. Sulle categorie più deboli e senza rinunciare a forme ancora più dure di protesta, come una serrata su cui i patronati stanno ragionando.

15 novembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs