Regione

Regione, Consumo suolo, ghigliottina su oltre mille emendamenti

consumosuoloContestazioni e polemiche in Commissione Territorio sul provvedimento relativo al contenimento del consumo di suolo. Un provvedimento passato  con i voti della sola maggioranza: dei gruppi di minoranza al momento del voto finale è rimasto in sala il solo Jacopo Scandella (PD), che ha fatto da “portavoce” del suo gruppo su questo progetto di legge.

I gruppi di minoranza PD, Patto Civico e M5Stelle hanno infatti contestato la decisione del Presidente della Commissione di procedere alla votazione dei 1334 emendamenti a blocchi e non articolo per articolo.

Il Patto Civico aveva presentato 571 emendamenti, il PD 388, il Movimento 5 Stelle 364, 3 gli emendamenti di Fratelli d’Italia, 12 quelli congiunti PD-Patto Civico. Per protestare contro la decisione di Sala, Pd e Patto civico sono usciti dalla commissione senza votare la legge, mentre il Movimento 5 Stelle e’ rimasto in aula protestando con dei fischietti. La principale critica che le opposizioni muovono alla legge e’ la ‘finestra’ di 3 anni durante il quale Comuni e costruttori possono far partire i lavori delle opere previste nei pgt. Gli emendamenti sono stati respinti.

Nel testo viene previsto uno stop graduale al consumo di suolo per non rimettere in discussione i Pgt dei Comuni, introducendo il concetto di bilancio ecologico del suolo (Bes) per stabilire la soglia di consumo zero. L’obiettivo è quello di evitare che dall’approvazione della legge possano essere autorizzate nuove varianti su terreni agricoli, anche se nel frattempo per 36 mesi saranno salvaguardati “i progetti in essere“, destinati poi a decadere con due sole deroghe ammesse: quella per l’ampliamento delle attività economiche esistenti e quella per le opere previste nell’ambito di accordi di programma di valenza regionale.

3 novembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs