Varese, “Va sul Palco”, Cattaneo: il rock, espressione di libertà

Il Presidente Cattaneo

Il Presidente Cattaneo

Riceviamo dall’Informagiovani di Varese e volentieri pubblichiamo una richiesta di precisazione circa la mancata partecipazione di Raffaele Cattaneo, presidente del Consiglio regionale della Lombardia, al lancio dell’iniziativa di “Notturno Giovani” dal titolo “Va sul Palco”: 

Gentile direttore,

per un disguido, durante la conferenza stampa di ieri pomeriggio (15 ottobre) per Va sul Palco, non è stato letto il messaggio del Presidente del Consiglio Regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo, che non ha potuto partecipare a causa di sopraggiunti impegni istituzionali.

In allegato, le inviamo il saluto, con cortese preghiera di pubblicazione.

Grazie per l’attenzione.

Ufficio Informagiovani – Ufficio Stampa

Ecco il messaggio del Presidente Cattaneo di cui ieri non è stata data lettura: 

Mi spiace non poter partecipare a causa di sopraggiunti impegni istituzionali a questa conferenza stampa di presentazione dei gruppi musicali selezionati per l’edizione 2014 di “Va sul palco”. Ringrazio gli organizzatori per l’invito, il Comune di Varese e tutti i partecipanti al concorso che hanno saputo mettersi in gioco con produzioni originali, confidando nel proprio talento. Mi complimento vivamente con le band selezionate, alcune delle quali ho avuto modo di ascoltare su internet, che mi hanno colpito per il grado di maturità: gruppi musicali, eterogenei per ispirazione e stili, che presentano prodotti assolutamente professionali.

Occasioni come quella di oggi rappresentano anche per gli adulti un’opportunità per tornare indietro di qualche decennio, quando la musica era uno specchio per capire meglio chi eravamo e cosa volevamo. È questa una delle magie del rock inteso nella sua ampia accezione: dare voce alla vitalità, ai sogni delle generazioni. Sono fiori questi che crescono solo nel campo della libertà. È questa la forza dei paesi democratici come il nostro.

I gruppi musicali giovanili, come saprete, sono tantissimi, anche nella nostra provincia: un universo difficile da definire, perché continuamente cangiante, mobile. Gruppi che nascono e muoiono in pochi mesi e altri che si consolidano e aspirano a prosceni più importanti di quelli a cui partecipano gli amici. Ragazze e ragazzi la cui passione produce cultura e se saranno bravi e fortunati potranno anche diventare parte di un’ industria dell’intrattenimento ormai globalizzata e fortemente caratterizzata dalla rete. Il concorso di oggi è senza dubbio un premio alla perseveranza di questi giovani, che il Consiglio regionale ha voluto sostenere con il patrocinio, a cui auguriamo il successo che meritano.

Grazie a tutti e buon lavoro,

Raffaele Cattaneo

16 ottobre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs