Varese

Varese, contro la crisi il Comune riduce gli oneri di urbanizzazione

cantiere_sicurezzaUna rideterminazione degli oneri di urbanizzazione, per venire incontro alle esigenze degli operatori dell’edilizia e per cercare di aumentare le entrate per il Comune. La giunta comunale ha approvato questa mattina la  proposta per il Consiglio comunale (ci sarà anche il passaggio alla commissione di competenza).  A illustrare i dettagli l’assessore all’Urbanistica Fabio Binelli.

«Il livello del costo degli oneri di urbanizzazione a Varese non è più sostenibile dal mercato. Era stato deciso nel 2006 con delibera del commissario straordinario. Erano importi legati al boom dell’edilizia, oggi impensabili. Per questo abbiamo deciso interventi per la riduzione che vadano incontro alle necessità degli operatori, in modo da realizzare più interventi. Il che porterebbe al contempo all’aumento delle entrate nelle casse comunali. L’amministrazione, nelle riduzioni, privilegia alcuni tipi di intervento, quelli di recupero o sostituzione dell’esistente piuttosto che le nuove costruzioni, o certe attività produttive e commerciali».

Nel dettaglio:

quanto agli interventi sugli edifici residenziali, il PGT incentiva il riuso dei volumi già edificati tramite interventi di ristrutturazione e di sostituzione edilizia (al fine di contenere il più possibile il consumo di suolo). Si propongono riduzioni del contributo rispettivamente al 50% per gli interventi di ristrutturazione edilizia (senza parziale o totale demolizione e ricostruzione) e all’80% per gli interventi di sostituzione edilizia o ristrutturazione con demolizione e ricostruzione parziale o totale. Per gli interventi di recupero del sottotetto, in conformità a quanto disposto dalla vigente legislazione regionale si applicheranno le tariffe della nuova costruzione senza alcuna maggiorazione (eliminata la maggiorazione del 20%)

- per le tariffe da applicare agli insediamenti produttivi si propone una riduzione al 50%;

attività direzionali, si propone una riduzione del contributo del 20%;

 attività alberghiere, si propone riduzione del contributo del 20%; attività commerciali, si propone una riduzione del contributo del 30% per gli esercizi di vicinato (fino 250 m)  e del 15% per le medie strutture (fino 600 m).

Infine nella delibera sono indicate nuove possibilità di pagamento, con la rateizzazione. Il contributo di costruzione (oneri di urbanizzazione primaria, secondaria e contributo sullo smaltimento rifiuti e contributo sul costo di costruzione) si potrà versare in tre rate (e non più tutto prima del rilascio del permesso di costruire) di cui la prima (pari al 30%) entro 30 giorni dall’avviso di rilascio del permesso di costruire; la seconda, (pari al 40%) entro 60 giorni dalla data di inizio dei lavori, la terza pari al restante (pari al 30%) entro la data di fine dei lavori.

14 ottobre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs