Regione

Regione, semplificate adozioni internazionali, passa mozione Ncd

adozioneadozioneadozioneadozioneUna riforma della legge sull’adozione internazionale, semplificando le procedure attraverso accordi coi Paesi di origine dei minori, riducendo i tempi dell’iter adottivo, abbattendo i costi per le famiglie che scelgono questa strada.

Sono tra le richieste contenute nel documento di NCD, presentato dal capogruppo Luca Del Gobbo, discusso in Aula e approvato questa sera all’unanimità. Nella mozione si chiede innanzitutto di semplificare gli adempimenti burocratici con conseguente riduzione dei tempi (attualmente tra la presentazione della disponibilità della coppia e l’ingresso dei bambini in Italia passano oltre tre anni) e dei costi che si aggirerebbero attorno ai 20 mila euro. Su questo aspetto la mozione è stata integrata con la richiesta -proposta dalla Consigliera Paola Macchi (M5S)- di intervenire presso la Commissione per le adozioni internazionali perché “operi ulteriori controlli sulle spese che gli Enti autorizzati esigono dagli assunti genitori”.

Le domande, si legge nella mozione, sarebbero in calo e anche le coppie che hanno portato a termine una adozione internazionale sono diminuite in questi anni di oltre il 30%.

Nella discussione sono intervenuti i Consiglieri Stefano Carugo (NCD), Antonio Saggese (Maroni Presidente), Onorio Rosati (PD), Riccardo De Corato (FdI), Silvana Saita (LN), Alessandro Sorte (FI), Daniela Maroni (Maroni Presidente) eFabio Pizzul (PD). Apprezzamento per la mozione è stata espresso anche dall’assessore Maria Cristina Cantù.

Il Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo - che tradizionalmente non partecipa al voto in aula – in considerazione del contenuto della mozione e della posizione unanime registrata nel dibattito, ha aggiunto il suo voto positivo a quello dell’intero Consiglio.

 

14 ottobre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs