Varese

Varese, Teatro Santuccio, il Comune rinnova la gestione targata Gulliver

Il Santuccio di Varese

Il Santuccio di Varese

Il Teatrino Santuccio va avanti. La struttura privata, di cui il Comune di Varese paga affitto e utenze, che da tre anni è stata affidata alla gestione del Centro Gulliver, andrà ancora avanti, con le stesse condizioni, fino al dicembre 2015.

Lo ha deciso la giunta comunale che si è riunita ieri pomeriggio e che ha dato il via al terzo anno consecutivo di gestione ad una delle realtà culturali che, nonostante crisi e spending review, tagli e ritagli, passa indenne pur comportando un costo, a carico del Comune, davvero non indifferente.

“Abbiamo dato una valutazione positiva dell’attività che si svolge al Santuccio, che abbiamo confermato, con una concessione in comodato d’uso, al Centro Gulliver”, dichiara l’assessore alla Cultura del Comune di Varese, Simone Longhini (Forza Italia). Continua: “Una valutazione positiva da un punto di vista quantitativo, dato che con corsi, serate, eventi copre praticamente sette giorni su sette, e da un punto di vista qualitativo, dato che abbiamo notato una forte collaborazione con numerose realtà associative del territorio”.

Un approdo interessante, dice Longhini: “Una struttura che praticamente era sottoutilizzata, non pubblicizzata, praticamente sconosciuta a Varese, è tornata a vivere. E questo anche grazie ai diversi investimenti che sono stati fatti dal Gulliver, che hanno prodotto un valore aggiunto: dai cuscini sulle gradinate ad un nuovo impianto audio e luci, fino al rifacimento del palco”. Naturalmente a tutto questo si deve aggiungere l’organizzazione e la gestione del cartellone.

Quanto ai costi, l’accordo con il Comune comporta che la differenza tra ricavi e spese sia divisa al 50% tra Comune e Gulliver, e se si verifica che la gestione è in perdita, quest’ultima se la accolla tutta il Gulliver, come è accaduto nel primo anno di gestione. Con il secondo anno di gestione si è arrivati, come sottolinea Longhini, a 900 euro, mentre l’anno in corso si arriva a 2300 euro. Tuttavia è forte l’investimento del Comune per mantenere aperto il Santuccio: come conferma l’assessore, dal Comune arrivano in un anno 50 mila euro, che servono a coprire affitto e utenze del teatro.

8 ottobre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs