Varese

Provincia di Varese, le tre domande di Nicoletti ai candidati presidenti

 

Alessio Nicoletti

Alessio Nicoletti

In vista delle vicine elezioni provinciali, il fondatore e leader di Movimento Libero, Alessio Nicoletti, lancia alcune iniziative per sconfiggere la tentazione del non-voto. 

In previsione delle elezioni provinciali – dichiara Nicoletti – abbiamo provato a creare una vera, e sottolineo vera, lista civica che potesse dare rappresentanza e voce a tantissimi amministratori comunali che non si riconoscono  nei partiti. Purtroppo, per varie ragioni, questo tentativo è fallito. Dico purtroppo perché, secondo me, un soggetto simile avrebbe potuto dare concretezza ad un’istituzione di secondo livello che oggi in troppi faticano a concepire e comprendere”.

Continua Nicoletti: “L’orientamento di molti, oggi,  è quello di non andare a votare, ma credo sia ancora necessario provare a contribuire come si può per innalzare il livello di questa competizione, puntando sulla concretezza che presuntuosamente crediamo ci contraddistingua. Non nego che, se si votasse oggi, probabilmente anch’io non mi recherei alle urne, ma spero che qualcuno sappia convincermi a fare il contrario. Perché dunque, nonostante i tempi ristretti, non organizzare un confronto tra i due candidati alla presidenza aperto ai 1782 elettori/amministratori locali, che per la stragrande maggioranza devono ancora decidere cosa fare?”.

“Inoltre – insiste Nicoletti – invitiamo pubblicamente i due candidati alla presidenza a rispondere, se lo vorranno, a questi quesiti: quali sono le prime 10 azione concrete in ordine di priorità che intendono portare avanti? Quale rapporto intendono instaurare con i 1782 amministratori comunali che andranno a rappresentare?  Quale sarà, inoltre, il loro rapporto con tutti i cittadini della Provincia di Varese? Concretezza, la nostra, che spero sia apprezzata. Domande che spero abbiano una risposta. Confronto che auspico venga organizzato”.

4 ottobre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs