Varese

Varese, Marcia per il clima ai Giardini sotto il cipresso di Michele

I partecipanti all'ombra dei cipressi ai Giardini Estensi

I partecipanti all’ombra dei cipressi ai Giardini Estensi

Alcune decine di persone hanno aderito ai Giardini Estensi di Varese, mentre era in corso la manifestazione AgriVarese, alla Marcia per il clima che oggi si svolgeva contemporaneamente in tremila città del mondo. Una giornata per sensibilizzare i Grandi del mondo al problema dell’inquinamento del pianeta. Ai Giardini la marcia è partita dal cipresso su cui Michele Forzinetti è salito per dire stop al taglio da parte del Comune.

“Per noi vale il principio Pensare globalmente, agire localmente – spiega Giuseppe Musolino, referente per l’associazione Un’Altra Storia, che ha organizzato la marcia insieme a Legambiente e Slow Food -. Siamo infatti qui sotto al cipresso, un luogo diventato simbolico, per ribadire il nostro no al taglio degli alberi, ma anche per allargare lo spettro dell’attenzione ad altri problemi ambientali molto sentiti in città in questo momento, vere e proprie emergenze”.

Musolino, presente insieme ad Alberto Minazzi di Legambiente, continua: “Ci siamo mobilitati non solo contro al taglio dei cipressi, ma anche contro il parcheggio alla Prima Cappella del Sacro Monte e per salvaguardare l’ecosistema del Lago. Una mobilitazione che riguarda anche la denuncia del disinteresse da parte delle istituzioni”.

21 settembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs