Varese

Expo, Varesevive lancia un libro-cubo con le bellezze del territorio

Giuseppe Redaelli e Claudia Donadoni

Giuseppe Redaelli e Claudia Donadoni

Un libro piccolo, ma dai grandi contenuti: le eccellenze del territorio. Una bella sfida, quella lanciata dall’associazione Varesevive presieduta dall’imprenditore Giuseppe Redaelli, che ha lanciato un’iniziativa singolare: ospitare in un volume le eccellenze del territorio fotografate da varesini e varesotti. Ma si tratta di uno scrigno cartaceo di piccole dimensioni, otto centimetri per otto centrimetri la sua dimensione. Il volume sarà di circa 1500 pagine e sarà lo stesso Redaelli a stamparlo. L’iniziativa vede anche la collaborazione dell’Agenzia del Turismo della provincia di Varese.

“Il progetto punta a presentare Varese all’appuntamento con Expo in maniera innovativa, con una promozione del territorio diversa dal passato – spiega lo stesso Redaelli -. Saranno gli stessi varesini, in prima persona, a farsi ambasciatori del nostro territorio inviando i loro “scatti” che potranno ritrarre gli aspetti peculiari del nostro territorio”.

Il volume rientra in una serie di iniziative che hanno come titolo complessivo “PLAY x Varese³”, un cartellone nat0 grazie ad un bando della Provincia di Varese in vista di Expo, che gli organizzatori hanno vinto (20 mila euro da impiegare in due anni). “Sono tutti invitati a realizzare immagini – continua Redaelli – che riguardino i quattro temi principali di Expo, ovvero Ambiente, Arte, Enogastronomia e Green Economy. A questi temi, che dovranno costituire l’oggetto delle immagini fotografiche, abbiamo aggiunto anche il tema della solidarietà, considerato il numero delle associazioni di volontariato che operano sul territorio”. Queste ultime verranno citate in appendice al volume, con attività e relativi recapiti. 

Non solo libri, però: oltre al volume, il progetto contiene anche una forte attenzione al teatro. Dopo il successo che hanno ottenuto due spettacoli proposti nel corso dell’estate, ora Claudia Donadoni, ottima regista e interprete, sta preparando lo spettacolo “Strìa”, una storia che si ispira ad avvenimenti che riguardano streghe, realmente accaduti tra Valli del Luinese e Canton Ticino. “Una drammaturgia teatrale con musica – spiega la Donadoni – che si basa su documenti e recupera un linguaggio popolare e dialettale, ma che avrà anche una versione in inglese”. 

Le foto possono essere inviate ai social:

https://www.facebook.com/playxvarese3?fref=photo

https://twitter.com/PLAY_x_Varese_3

 

 

 

 

 

 

 

 

16 settembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs