Varese

Varese, cipressi ai Giardini Estensi, la Commissione li vuole tagliare

I Giardini Estensi

I Giardini Estensi

Dopo l’annuncio, dopo le proteste, dopo lo stop, i 16 cipressi ai Giardini Estensi saranno abbattuti, secondo quanto richiesto dall’assessore all’Ambiente, il forzista Stefano Clerici.

Ad accendere il semaforo verde in Commissione sono stati i partiti di maggioranza, Lega, Forza Italia ed Ncd, ai quali si è aggiunto il parere positivo del consigliere Cammarata, del Movimento 5 Stelle.

Contrari gli altri partiti di opposizione: il Partito democratico e il consigliere di Movimento Libero Alessio Nicoletti, che è entrato in forte contrasto con l’assessore forzista Stefano Clerici.

Forte presa di posizione contro il taglio dei cipressi da parte della consigliera Pd Luisa Oprandi e da parte del consigliere Luciano Ronca, consigliere di Varese & Luisa. 

A questo punto si tratta di capire come reagirà la società civile che già si è fortemente mobilitata contro il taglio degli alberi ai Giardini. Già un presidio era stato organizzato dal professor Crugnola e molte erano state le reazioni negative sui media locali. Davvero i cipressi saranno abbattuti?

10 settembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti a “Varese, cipressi ai Giardini Estensi, la Commissione li vuole tagliare

  1. Ambrogina Zanzi il 10 settembre 2014, ore 23:59

    E’ una follia abbattere i sedici cipressi. Non è una questione di partiti, di maggioranze e di opposizioni; si tratta di buon senso, di saggezza e lungimiranza: il verde va difeso!

  2. Riccardo Parlato il 11 settembre 2014, ore 15:43

    Certe decisioni devono essere prese da tecnici di provata capacita’ e di esperienza comprovata a livello europeo, non da quattro politici che a malapena sanno distinguere un cespuglio da una robinia e in modo arrogante danno giudizi.Ci sono i parchi cittadini in generale che fanno pena per degrado e questi spendono risorse preziose per abbattere delle piante in pieno vigore.

  3. Norberto il 11 settembre 2014, ore 16:15

    Mi vergogno di essere Varesino e di aver votato la Lega, 25 anni sprecati, e l’assessore Clerici stavolta se la cava ancora pero presto ne combinerà ancora altre.

  4. ombretta diaferia il 12 settembre 2014, ore 11:00

    Immaginate se
    gli alberi potessero dare
    il segnale wi-fi.
    Vorremmo piantarne
    così tanti da salvare
    anche il pianeta.

    Peccato che producano
    solo ossigeno
    per farci respirare…

  5. flavia tosi il 12 settembre 2014, ore 13:06

    ma sono i NOSTRI giardini, quelli di Varese, così come sono, belli, ci siamo affezionati, fanno parte della nostra storia. Ora sono QUESTI giardini la faccia di Varese. I turisti che vogliono vedere un parco settecentesco originalissimo si vadano a vedere l’originale a Schonbrunn. I cipressi aggiungono un tocco originale. E sono vivi. O che per l’Expo ci dobbiamo fare pure una mascherata e vestirci stile Maria Teresa d’Austria per fare i pirla coi turisti?
    quanto a piazza Repubblica: piante, piante, piante….

  6. Martino Pirone il 17 settembre 2014, ore 11:17
  7. Martino Pirone il 17 settembre 2014, ore 11:24

    Sindaco e Assessore hanno detto che il taglio delle piante è necessario per incompatibilità tra le due specie (vicinanza tra tassi e cipressi invasivi), per riportare all’aspetto originario il giardino, perché lo dice anche la Soprintendenza, ecc. ecc., ma addirittura per preparare la Città all’evento di Expo 2015. Ora mi chiedo: un turista, un visitatore di Varese criticherebbe la presenza dei cipressi intorno ai tassi e alla fontana e non alla cattiva manutenzione dei vialetti, della sporcizia della fontana e del laghetto e della cattiva manutenzione di tutto il resto ? Per non parlare di marciapiedi e strade dissestate, della vergognosa vista dell’area abbandonata da decenni in Via Carcano, dell’inizio di Via Gasparotto e dell’anomala situazione del piazzale Flaiano (bei biglietti da visita per chi arriva in Città), come pure l’altra area industriale abbandonata in fondo a Via R. Vanetti – confine con Induno O.,ecc. ecc. Per non parlare (se dovesse andare in porto) di un cantiere aperto per sventrare un sito così vicino alla Prima Cappella del Sacro Monte. E’ certo che tutta la Città farebbe proprio una bella figura con i turisti !

Rispondi

 
 
kaiser jobs