Lettere

Situazione critica in via Mulini Grassi

smog-autoNell’ambito delle operazioni in corso di manutenzione delle strade cittadine segnaliamo la situazione criticissima della via Mulini Grassi che, da quando è stata realizzata la rotonda di viale Valganna con l’arrivo della tangenziale, si è trasformata da “strada di campagna” a via di intenso traffico.

Abbiamo compiuto diversi sopralluoghi nel mese di giugno in varie ore del giorno e nei due sensi della via e abbiamo costatato come effettivamente la stessa abbia conservato sostanzialmente tutte le caratteristiche di strada di campagna, con curve strettissime e un alternarsi di pendenze in alcuni tratti anche preoccupanti, specie quando sfociano in strette curve a gomito spesso anche cieche.

La presenza di queste condizioni critiche si concentra in prossimità degli insediamenti abitativi nella parte centrale del percorso.

Manca quindi ogni presupposto perché la via possa sopportare un incremento intensivo del traffico e va anche sottolineato come le pessime condizioni del fondo stradale aggravino notevolmente la sicurezza della viabilità che diviene pertanto estremamente precaria quando non addirittura rischiosa.

Anche la segnaletica appare assolutamente carente in quanto se non mancano i divieti di sosta per le auto c’è un solo segnale di curva pericolosa, un solo segnale di strettoia e nessun limite di velocità lungo tutto il percorso.

Mancano infine totalmente zone di riguardo per i pedoni e per tutta la via non vi è traccia di passaggi pedonali per cui i pedoni stessi non usufruiscono di alcuna protezione. Questa situazione di carenza complessiva comporta frequenti incidenti e code particolarmente nei momenti di più intenso traffico.

Ora a parte il rischio di maggior inquinamento dell’area a causa del decisivo incremento del traffico il problema maggiore è quello della sicurezza dei pedoni. Questi ultimi sul percorso in questione affrontano veri e propri rischi di incolumità personale ma anche la situazione delle auto non è migliore. Infatti, non è difficile nelle condizioni attuali sfiorare i veicoli provenienti nel senso opposto o i muretti laterali.

Tra le varie negatività verificatesi vi è anche la forzata sospensione delle visite da parte delle scolaresche a un antico mulino a causa della sopravvenuta pericolosità del percorso stradale.

Tra le possibili soluzioni suggeriamo innanzitutto l’immediato ripristino del fondo stradale le cui condizioni proibitive costituiscono un consistente rischio aggiuntivo per la circolazione.

In secondo luogo pare necessario aumentare adeguatamente la segnaletica relativa alle strettoie, alle curve pericolose introducendo altresì limiti di velocità adeguati alla pericolosità del tracciato stradale e inoltre potrebbero essere presa in considerazione l’adozione ove possibile di rallentatori di velocità o “dissuasori”.

Infine, stante l’avvenuto cambiamento di utilizzo di quella che era originariamente una strada di campagna, si rendono necessari tutti gli adeguamenti previsti dal Nuovo Codice della strada.

Chiediamo inoltre come, ai sensi del PGTU, sia stata classificata attualmente la strada al fine di determinare tutte quelle eventuali dotazioni come banchine, marciapiedi, aree attrezzate per la sosta da realizzarsi conseguentemente alla classificazione, dotazioni utili a risolvere le criticità attuali della via Mulini Grassi.

Infine i residenti sottolineano il fatto che nessun provvedimento risolutivo sia stato preso a tutt’oggi nonostante le annose segnalazioni sulla situazione critica della via Mulini Grassi.

Preghiamo quindi codesta Amministrazione di considerare favorevolmente le nostre indicazioni onde pervenire in breve tempo a un miglioramento della situazione.

Verdi Ambiente e Società

Responsabile per Varese

Maud Ceriotti

3 settembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs