Regione

Regione, Arci lancia un appello: moratoria nuovi scavi prima di Vas

120207_provincia_cava_cantelloCon una lettera inviata ai vertici della Regione Lombardia, il presidente Maroni, l’assessore Terzi e il presidente della Commissione Ambiente Marsico, la Presidente Nazionale Arci Francesca Chiavacci, il Presidente Arci Lombardia Massimo Cortesi, il Presidente Arci Sondrio Marco Doria, il Vicepresidente di Arci Varese, componente Comitato Tre Scali, Mauro Sabbadini, chiedono una moratoria del piano cave regionale.

“Egregi Signori, a tutela dell’integrità del territorio varesino e del suo alto valore naturalistico nonché della preziosità della sua biodiversità ancora conservata, in difesa dei principi di partecipazione pubblica alle scelte di pianificazione del territorio, cortesemente chiediamo al Consiglio Regionale Lombardo di disporre una MORATORIA del piano cave della Lombardia sospendendo tutte le nuove escavazioni fino a dopo il completamento delle procedure di VAS già in corso.

Ricordiamo come l’avvio della VAS a Piano Cave già adottato sia stato deliberato, su richiesta della Commissione Europea, dopo che la nostra petizione, sottoscritta da una quarantina di associazioni e oltre 2000 cittadini (petizione 0324/2010 presentata da Angelo Mina e Mauro Sabbadini).

Ricordiamo come Commissione e Parlamento, nel chiedere tale adeguamento a Regione Lombardia, avessero eccepito su una possibile contraddizione tra la Legge Italiana e la Convenzione di Aarhus, che impone la più ampia partecipazione dei soggetti interessati alla definizione delle scelte riguardanti l’ambiente e il territorio. Con, quindi, l’eventualità dell’apertura di una procedura di infrazione.

La valutazione ambientale di piani e programmi che possono avere un impatto significativo sull’ambiente, secondo quanto stabilito nell’art. 4 del D. Lgs. 152/2006 e s.m.i., come proprio le cave, “ha la finalità di garantire un elevato livello di protezione dell’ambiente e contribuire all’integrazione di considerazioni ambientali all’atto dell’elaborazione, dell’adozione e approvazione di detti piani e programmi assicurando che siano coerenti e contribuiscano alle condizioni per uno sviluppo sostenibile”.

Chiediamo quindi al Consiglio di adoperare gli stessi tempi brevi usati per approvare la moratoria sui centri commerciali.

Non si dia la possibilità a concedere convenzioni per coltivazioni o recuperi di cava prima del completamento della VAS sul Piano.

Questa, del resto, è quanto espressamente richiesto dalla Commissione Europea ed accettato dalla Regione Lombardia anche in assenza di precisa previsione di legge . Non vorremmo domani vedere sanzioni provenienti dalla UE che verrebbero pagate dai contribuenti Italiani !

Domandiamo, pertanto, che nel prossimo Consiglio venga adottata una moratoria per sospendere l’avvio di nuove escavazioni in tutti i piani cave regionali, a tutela di interessi che questo Consiglio ha sempre ambito tutelare: la partecipazione democratica, la trasparenza delle scelte strategiche, il rispetto dell’ambiente”.

29 luglio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs