Economia

Sistema camerale, Pd Gadda esulta: con mia proposta riforma più graduale

Camera di commercio di Varese

Camera di commercio di Varese

Primo tassello della riforma delle Camere di Commercio approvato in Commissione Affari Costituzionali alla Camera. L’emendamento presentato dall’onorevole Maria Chiara Gadda insieme ad altri deputati del Partito Democratico per rimodulare su tre anni il dimezzamento del diritto camerale (l’imposta annuale pagata da tutte le imprese per l’iscrizione al registro delle imprese che rappresenta la principale fonte di entrata per le Camere di commercio), è stato accolto assieme ad altri, recependo anche gli stimoli lanciati in questi giorni.

Il testo finale dell’emendamento, infatti, oltre a prevedere una riduzione del diritto camerale del 35% per il 2015, del 40% per il 2016 e del 50% per il 2017, stabilisce che “tariffe e diritti sono fissati sulla base di costi standard definiti dal ministero dello sviluppo economico” e inoltre si aggiunge che si devono perseguire “criteri di efficienza da conseguire anche attraverso l’accorpamento degli enti e degli organismi del sistema camerale e lo svolgimento in forma associata delle funzioni”. Dunque via libera anche alle fusioni, aggregazioni e gestione comuni di servizi.

“Sono molto soddisfatta di come il Governo ha recepito le istanze che avevo posto – commenta Maria Chiara Gadda – non solo perché con la gradualità del dimezzamento c’è possibilità di affrontare con più tranquillità la riforma che il governo ha varato attraverso il disegno di legge, ma anche e soprattutto perché il Governo ha voluto riformulare l’emendamento rafforzandolo e stabilendo che devono essere stabiliti dei costi standard, si deve procedere con accorpamenti tra camere di commercio, si devono gestire funzioni in forma associata”.

“In questo modo ci sarà il tempo opportuno per modulare l’azione di riforma necessaria al sistema camerale, così come le imprese potranno beneficiare di una riduzione dei loro costi senza subire i disagi di una drastica riduzione delle attività messe in campo in loro favore dalle Camere di Commercio. Il sistema camerale svolge una funzione importante per il sostegno e lo sviluppo delle economie locali, vista la loro capacità di valorizzare le specifiche caratteristiche territoriali. Una riforma delle Camere di Commercio è però opportuna, al fine di rendere il sistema più razionale ed efficiente, e più adeguato alle esigenze di territori e imprese, che si trovano a lavorare in un contesto sempre più complesso e competitivo”, conclude la deputata varesina Maria Chiara Gadda.

 

Area degli

25 luglio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs