Varese

Varese, da Questura nuovi Daspo. Questa volta per 2 tifosi bresciani

auto-polizia-23112012La Polizia di Stato, al termine delle indagini sui fatti accaduti al termine dell’incontro Varese-Brescia svoltosi il 17 maggio scorso, ha deferito all’Autorità giudiziaria due tifosi bresciani corresponsabili dei fatti delittuosi accaduti quel pomeriggio. Al termine della gara i tifosi varesini e gli ospiti sono venuti a contatto in prossimità del piazzale De Gasperi. In quel frangente le Forze di Polizia e Carabinieri schierati all’intersezione con Via Vellone, uno dei luoghi in cui i giorni delle partite si effettua il blocco stradale, hanno evitato ogni contatto fisico; gli episodi di tensione sono stati circoscritti solo a insulti e lanci di oggetti.

Tutte le condotte dei tifosi presenti sono state annotate e videoregistrate dagli operatori Digos e della scientifica impiegati, pertanto, al termine della gara e con le successive indagini si è riusciti a circoscrivere le responsabilità dei soggetti coinvolti. Dopo alcuni giorni dalla gara sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria tre tifosi varesini, nei confronti dei quali è stato emesso anche il conseguente divieto di assistere alle manifestazioni sportive.

Ieri, al termine delle indagini effettuate in collaborazione con la Questura di Brescia, sono stati identificati anche due tifosi bresciani immediatamente denunciati per porto abusivo di oggetti atti ad offendere in manifestazioni sportive. I due tifosi sono stati ripresi dalle telecamere mentre impugnavano delle cinture e si dirigevano verso i tifosi di casa con l’evidente intento di partecipare agli scontri, poi scongiurati dalle Forze dell’Ordine intervenute nell’immediatezza. Anche nei loro confronti sono scattate le procedure amministrative per l’emissione del DASPO.

24 luglio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs