Lettere

Giocare nel 2014

Hai avuto otto, dieci, dodici anni? Ti ricordi quegli anni? Ti ricordi la gioia vissuta con le grandi giocate con gli amici? Al pallone, a nascondino, a “topoli”? La gioia quando potevi urlare “liberi tutti” dopo una corsa forsennata per raggiungere la meta?

Noi non avevamo la TV, i computer, i tablet. C’era meno traffico ed avevamo cortili e strade da riempire con le nostre grida. Oggi i cortili dei condomini sono “off limits” per i bambini. I loro giochi sono più organizzati.

Ma a quell’età non mai hai avuto folli paure? Noi sì, le avevamo vissute! Il folle tremito che ti prendeva quando udivi le mitragliere degli aerei in picchiata, oppure le bombe che scoppiavano vicino scuotendo le case dalle fondamenta. E tremavi di paura. Tremavi perché in un attimo tutto poteva andare nel nulla: tu, la mamma che ti teneva stretto stretto, il papà dallo sguardo preoccupato, serio, le sorelle che tremavano come te.

Da noi questo non succede più per il momento, ma in altre parti del mondo ancora. Su una spiaggia della Palestina quattro bambini giocavano con gioia al pallone, felici nel sole, con i capelli scossi dalla brezza del mare, sul quale navigavano piccole navi: Navi da guerra? Pescherecci? Barche da diporto? Come fanno dei bimbi a distinguerli? Loro sentivano il bisogno di correre dietro al pallone, di giocare, di gridare, di ridere felici. La vita vibrava in loro. Nei loro occhi scuri la luce del sole rivelava voglia di vita, di serenità, di futuro.

Poi improvvisi gli scoppi. Improvviso il terrore. Improvviso il fumo acre della polvere da sparo. Non sanno cosa fare. Non si buttano a terra immobili, per immedesimarsi alla sabbia. C’è un capanno, sembra un rifugio sicuro, da lì non vedi più le scintille delle armi ed il fumo degli spari. Ma il capanno è troppo facile da colpire.

Adesso il sole è muto nei loro occhi che sono velati. La vita non c’è più per loro. Nati ieri, morti troppo presto. Il futuro negato da adulti freddi e crudeli che giocano con gelide armi nere troppo precise nel portare la morte. Ma è questa la civiltà che agogniamo? Secoli di violenze non hanno ancora insegnato nulla alla belva uomo?

Emilio Corbetta

16 luglio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs