Varese

Varese, dal Comune misure anti-sfratto per famiglie in difficoltà

L'assessore Enrico Angelini

L’assessore Enrico Angelini

Un sostegno alle famiglie sul tema casa, nello specifico per la morosità incolpevole e l’affitto. La giunta comunale ha approvato questa mattina lo “Schema di accordo di collaborazione per l’attuazione di iniziative sperimentali a sostegno del mantenimento dell’abitazione in locazione” con Regione Lombardia.

«E’ un progetto importante e significativo del Comune sul tema sentito della casa, in particolare agiremo sulla morosità incolpevole – ha dichiarato l’assessore a Famiglia e Persona Enrico Angelini -. Si tratta di un sostegno concreto alle persone e alle famiglie che a causa della crisi hanno perso il lavoro e hanno difficoltà a pagare l’affitto. I criteri per l’accesso al fondo saranno in base al reddito, alla morosità non superiore a sei mesi, alla perdita di lavoro documentata da 12 mesi, alla residenza a Varese da almeno 5 anni. Saranno sostenute altre situazioni, come il microcredito per la copertura delle spese iniziali di sottoscrizione del contratto per le giovani coppie, le persone sole con minori,  le persone separate»

Il progetto sperimentale  ha il valore totale di 431 mila euro:  è risultato idoneo ed è stato approvato da Regione Lombardia.  Il Comune partecipa con un co-finanziamento pari al 40% della somma concessa dalla Regione, pari quindi ad € 123.316.

«Il fondo richiesto – ha precisato Angelini – rientrerà con restituzione nei tempi concordati con i beneficiari, nell’ottica appunto del microcredito. E’ finalizzato appunto a superare la fase di difficoltà in un periodo preciso e temporaneo. Nel progetto sono inseriti inoltre piccole sistemazioni  e interventi utili a rimettere sul mercato le case sfitte a condizione che poi vengano affittate con contratti a canone concordato. Il tema della casa oggi è dunque una priorità sul versante sociale e ci stiamo attivando come amministrazione affinché vengano utilizzati tutti gli strumenti per aiutare i cittadini in questi momenti difficili. Oggi c’è bisogno di concretezza». Altre iniziative di sostegno alle famiglie sul tema casa saranno presentate martedì 22 luglio, dopo la giunta.

Sempre oggi la giunta ha deliberato il  Progetto sperimentale per la vita autonoma ed indipendente delle persone con disabilità, in collaborazione con  Fondazione Renato Piatti Onlus. «E’ un accordo con la Fondazione su un progetto finanziato da Ministero e Regione – ha precisato l’assessore -: l’obiettivo è creare un’ équipe di professionisti che si occupino a 360 gradi di casi specifici di persone disabili per un percorso progressivo e di autonomia. E’ una modalità di approccio nuova, globale, in materia di vita indipendente ed inclusione nella società delle persone con disabilità». Regione Lombardia concede un contributo di 100 mila euro (di cui 80mila da fondo ministeriale).

L’équipe multi-professionale (formata al minimo da 1 assistente sociale e 1 psicologo) elabora progetti individualizzati, insieme alla persona ed eventuali altri portatori di interesse, in un’ottica di promozione della vita indipendente attraverso il pieno riconoscimento della capacità della persona adulta con disabilità di autodeterminarsi e di prendere decisioni riguardanti la propria vita, nonché promuovendo una cultura di inclusione sociale in tutti gli ambiti sociali. Gli interventi da realizzare sulla base del progetto saranno dedicati a persone adulte con disabilità (18-64 anni).

 

15 luglio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, dal Comune misure anti-sfratto per famiglie in difficoltà

  1. Luisa Oprandi il 15 luglio 2014, ore 15:09

    Una iniziativa nello stile positivo e costruttivo di Enrico Angelini. Un assessore che sa valorizzare il positivo nelle proposte della minoranza, che sa guardare alle persone e che sa pensare oltre gli steccati dei partiti.

Rispondi

 
 
kaiser jobs