Lettere

Aimetti, l’alternativa alla Zes

Caro Direttore,

abbiamo letto in questi giorni le notizie di stampa relative alla proposta per l’istituzione delle ZES (zone economiche speciali) da parte di Regione Lombardia. A tal proposito e questo anche in qualità di responsabile e di membro del gruppo tematico “Economia, Impresa e Lavoro” del Partito Democratico vorremmo fare delle considerazioni al riguardo.

Siamo prima di tutto convinti di alcune ipotesi di partenza e cioè: le aziende sane ed i lavoratori autonomi non chiedono solo agevolazioni ma chiedono certezze; l’Ente Pubblico deve essere promotore di un processo virtuoso di fiducia; le aziende devono avere tra loro rapporti più snelli relativamente a contenziosi e pagamento; i contratti di lavoro non devono essere precari ma più semplici; le aziende devono condividere i risultati con i loro collaboratori; le partite IVA devono avere più garanzie (sanitarie, previdenziali); le aziende che investono devono essere avvantaggiate rispetto a chi non lo fa.

Quante volte abbiamo letto la parola “semplificazione” in tutte le legislature che si sono succedute nel tempo? TANTE, TROPPE !

Qualcosa è stato fatto ma siamo ancora lontani da livelli accettabili di civiltà economica per gli imprenditori, i professionisti ed i cittadini.

Analizzando in dettaglio la proposta della ZES, Zona Economica Speciale si verifica che questo progetto prevede per le nuove imprese degli sgravi fiscali ma non va realmente semplificare e neanche ad innovare il sistema economico, ne per le aziende ne tantomeno per i lavoratori.

A parer nostro e del gruppo di lavoro di cui facciamo parte, sono altri i requisiti fondamentali di cui ha bisogno chi esercita una attività di impresa: certezza e durata delle norme; fiducia nella PA; velocità ed efficacia della giustizia civile; velocità della burocrazia; pagamenti puntuali non solo dalla PA ma anche tra operatori economici; credito.

E’ per questo che il PD sta strutturando una proposta alternativa alle ZES basata sul merito che potremmo definire ZFI (zone della fiducia e dell’innovazione).

Gli operatori economici virtuosi delle ZFI (aziende e P.IVA): non vogliono delle semplici riduzioni di aliquota per un certo periodo vogliono un rapporto fiduciario con gli Enti Pubblici basato sulla semplificazione e sull’innovazione Se un imprenditore riuscirà a lavorare nel modo che abbiamo delineato non vi sarà alcun interesse all’evasione perché il rispetto delle norme è premiante e potrà ottenere diversi tipi di premialità (non solo quella fiscale).

E’ solo ripartendo da una nuova concezione più efficiente del sistema economico nel suo complesso che si potrà rivedere crescita e competitività rispetto agli altri Paesi. Ognuno quindi faccia la sua parte, lasciando da parte i criteri geografici (macroregioni, zone franche, etc.), oramai anacronistici nel mondo in cui viviamo e puntando su criteri meritocratici e su una rinnovata fiducia tra operatori economici ed Enti Pubblici.

Cordiali saluti

 

Silvio Aimetti  

Sindaco di Comerio 

Resp. gruppo tematico Economia Lavoro e Impresa

PD Provincia di Varese

 

Gianluca Fidanza

Assessore al bilancio e programmazione

Comune di Comerio

Membro gruppo tematico Economia Lavoro e Impresa

PD Provincia di Varese

4 luglio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Aimetti, l’alternativa alla Zes

  1. paolo rossi il 15 luglio 2014, ore 16:25

    Condivido pienamente il pensiero di Aimetti e Fidanza. Il punto vero sta dentro il loro ragionamento. La necessità di fondo, per il sistema delle imprese, è quello di pretendere di trovarsi in un contesto ‘culturalmente’ rinnovato da parte di una politica, in materia, fino ad oggi insufficiente e fragile. Ribaltare questo stato di cose appare qualcosa di più di una semplice sfida. Nel contempo però si può comprendere che un medio o piccolo imprenditore della nostra zona, stanco di vivere da anni in un contesto che tendenzialmente lo penalizza, sia favorevole all’adozione di interventi così concreti e diretti che, se approvati, favorirebbero enormemente le loro attività seppur in un ambito territoriale circoscritto.

Rispondi

 
 
kaiser jobs