Varese

Varese, “Le Piazze del Mondo”, le culture del mondo affascinano i varesini

Il banco proposto da donne ucraine

Il banco proposto da donne ucraine

Per la sua sesta edizione, la manifestazione “Le Piazze del Mondo” ha richiamato oggi nelle vie del centro tanti varesini interessati a conoscere culture, sapori, idee provenienti da tutto il mondo. Un evento che ha visto la partecipazione di un ricco cartello di associazioni impegnate in favore dei diritti degli stranieri e di numerose comunità di cittadini provenienti da Paesi diversi, e la collaborazione con il Comune di Varese. A promuovere questo appuntamento il Coordinamento Migrante, insieme alle Acli di Varese, alla Cgil di Varese, alla Cisl dei Laghi, alla Uisp e all’associazione I colori del mondo.

Una lunga fila di banchi, una trentina, è stata allestita lungo Corso Matteotti, una vetrina di oggetti e cibi etnici, ma anche di materiali informativi proposti dalle tante associazioni presenti alla iniziativa, che quest’anno si è concentrata sui problemi dell’Ucraina. Ma sono gli stranieri al centro dell’attenzione, una realtà che a Varese riguarda il 10% dei residenti.

Come sottolinea una delle organizzatrici, Alessandra Pessina, una delle responsabili del Coordinamento Migrante, “questa manifestazione dedicata a stranieri e migranti è un fiore all’occhiello per Varese”. Prima organizzata alla Schiranna con il nome “I Colori del Mondo”, ora l’iniziativa, con un nome diverso, viene organizzata nel centro di Varese. “Questa manifestazione è nata dal Pacchetto Sicurezza, che ha messo insieme tante associazioni che si occupano dei diritti degli stranieri”. Alessandra rimarca il comune denominatore delle tante associazioni: “per noi gli stranieri sono una ricchezza, una risorsa importante. Non dobbiamo avere paura della contaminazione, di confrontarci con le culture del mondo, tanto più in una città, come Varese, che tende più a respingere che ad accogliere”.

E la gente? I varesini? “La gente è attratta – dice la Pessina – dai profumi, dai colori, dalle melodie del mondo. Non è vero che la gente respinge se le si offre l’opportunità di conoscere le cose al di là e fuori dai pregiudizi più diffusi”.

Alla manifestazione è presente, per la Cgil di Varese, anche Oriella Riccardi, della segreteria provinciale. “Non volevamo mancare quest’anno, nonostante il fatto che la crisi durissima si concilia a fatica con un momento di festa come questo. Ma qui si lancia un messaggio di solidarietà e si attua concretamente l’integrazione”.

FOTO

22 giugno 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs