Varese

Varese, referendum sul parcheggio, il centrodestra lo silura in Consiglio

Bandiere svizzere agitate dai responsabili del comitato anti parcheggio

Bandiere svizzere agitate dai responsabili del comitato anti parcheggio

Dopo polemiche e prese di posizione, ieri sera è giunta in Consiglio comunale la proposta di referendum sul parcheggio alla Prima Cappella del Sacro Monte, un progetto controverso, che ha visto un comitato di cittadini raccogliere seimila firme contro. In Salone Estense gli interventi sul referendum si sono mescolati a quelli sul progetto del parcheggio, come era inevitabile.

Presente, nell’area dedicata al pubblico, una folta delegazione del Comitato capeggiata dall’agronomo Daniele Zanzi, tutti a sventolare bandiere a croce bianca su fondo rosso della vicina Svizzera, paese che, come è risaputo, ricorre spesso a referendum e a strumenti di democrazia diretta per ascoltare i cittadini. Presenti anche diversi esponenti del Pd, che da tempo sostiene il no al parcheggio ed è stato tra i principali sostenitori del referendum: c’erano Luca Paris, segretario cittadino, e Rossella Di Maggio, segretaria del Circolo Varese 4 del Pd.

In Aula è iniziata la discussione con la lettura di tre pareri contrari al referendum firmati da esponenti dell’amministrazione comunale. Poi ha preso la parola il capogruppo Pd Fabrizio Mirabelli, che ha sottolineato come l’Accordo di programma che prevede il parcheggio non sia mai passato dal Consiglio comunale. “Un progetto contraddittorio, inutile e costoso”, ha rimarcato il capogruppo, che ha d’altra parte citato, documento alla mano, un documento del 27 febbraio 2014  della Lega Nord sul federalismo della Svizzera, con elogio del referendum come “strumento attuativo di democrazia diretta”.

Sventolio di bandiere elevetiche da parte del pubblico e sommessa richiesta del presidente Roberto Puricelli di smetterla.

“E’ bello vedere sventolare bandiere di un Paese neutrale da pare di chi neutrale non è. Qui dentro nessuno è neutrale sul parcheggio”, è intervenuto il capogruppo del Carroccio, Giulio Moroni. “Questo referendum, realizzato quando la decisione è stata assunta, non ha alcun valore”. Moroni ha poi rivolto un appello al Pd: “Non cavalchiamo questa tigre solo perchè il Pd è in ascesa”.

Per Forza Italia è intervenuto Piero Galparoli, l’unico forzista presente in Aula, oltre al capogruppo Ciro Grassia: le fila di Forza Italia sono ridotte ai due consiglieri. “Dove diavolo eravate nel 2010 quando nacque l’accordo?”, domanda Galparoli rivolgendosi al Pd. “Allora non ricordo sollevamenti di popolo”. “Quando nasce in città un comitato – gli fa eco l’Ncd Giovanni Chiodi – è un bene per tutti, ma nessuno può lisciare il pelo ai comitati”.

Favorevoli al referendum anche gli interventi del Pd Andrea Civati, del Sel Rocco Cordì, della Pd Luisa Oprandi. “I cittadini sono lontani dalla politica – osserva il M5S Cammarata – e il referendum può essere un modo per riavvicinarli”. Si esprime contro il referendum e a favore del parcheggio anche Mauro Morello, consigliere Udc. E Crespi (Ncd) dichiara che il parcheggio “è il primo tassello per un progetto di accessibilità al Sacro Monte più articolato”.

Si va dunque al voto, con assenze importanti, come quella dei consiglieri forzisti, ma anche, all’opposizione, l’assenza di Nicoletti (Movimento Libero), tra i protagonisti del dibattito sul referendum. A favore del referendum votano gli otto consiglieri Pd, insieme a  Sel e al Movimento 5 Stelle. Contrari, invece, due consiglieri di Forza Italia, otto consiglieri del Carroccio, due consiglieri Ncd e due Udc, oltre a presidente del Consiglio e il sindaco Fontana, che non interviene in Aula.

 

18 giugno 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, referendum sul parcheggio, il centrodestra lo silura in Consiglio

  1. ombretta diaferia il 18 giugno 2014, ore 10:48

    singolare leggere di “neutralità” riferita a cementificazioni…
    quindi le migliaia di firme valgon meno degli interessi di pochi?
    che strano…

  2. Sergio Ghiringhelli il 19 giugno 2014, ore 13:22

    Vorrei sapere ( se possibile) quali sono i pochi che hanno degli interessi???
    Giusto per non consentire fraintendimenti ai lettori.

Rispondi

 
 
kaiser jobs