Varese

A Varese il Consiglio regionale. Ma sul parcheggio si rompe la tregua

Da sinistra Alfieri, Cattaneo e Macchi

Da sinistra Alfieri, Cattaneo e Macchi

“100 tappe in Lombardia”, il viaggio di lavoro del Consiglio regionale lombardo nelle varie province della nostra Regione, è approdato oggi a Varese. Un’iniziativa che ha incontrato i protagonisti della vita sociale, politica, economica, del non profit per fare il punto delle domande e delle aspettative del territorio provinciale. Un momento di confronto che, come filo rosso, aveva l’intenzione di presentare una condivisione e un’unità delle forze politiche (il “gioco di squadra”, usando un’espressione abusata) di fronte ai problemi e alle grandi questioni, a partire da Malpensa. Non una politica divisa, insomma, ma molto in stile “larghe intese”. Anche un’occasione per tentare di rilanciare la politica in una stagione di minimo storico di fiducia da parte dei cittadini nei confronti dei politici. Del resto Cattaneo è chiaro, circa una politica che lavora insieme: “Più del 50% delle leggi approvate, hanno registrato una maggioranza assoluta. Molti i temi che non sono né di destra, né di sinistra”.

A dirigere la “mission” il presidente del Consiglio Cattaneo, affiancato, per ogni provincia, dai consiglieri provenienti dalla medesima provincia. Per quanto riguarda la tappa varesina, all’incontro con i rappresentanti dei media, al Pirellino di viale Belforte erano presenti, oltre a Cattaneo, il Pd Alessandro Alfieri, peraltro anche segretario regionale del suo partito, Paola Macchi (Movimento 5 Stelle), e Luca Marsico (Forza Italia). Nel pomeriggio, a Lonate Pozzolo, all’incontro con i sindaci dei Comuni legati a Malpensa, c’erano anche Luca Ferrazzi (Maroni Presidente) e Francesca Brianza (Lega Nord).

Tocca a Cattaneo, davanti ai giornalisti, riassumere gli incontri della giornata. L’incontro in Comune, al Centro Geofisico Prealpino, alla mensa dei poveri alla Brunella e alle Suore di via Luini, l’incontro con il Commissario straordinario della Provincia Galli e con il Prefetto Giorgio Zanzi. E poi, nel pomeriggio, l’incontro su Malpensa e la visita ad un’azienda che si occupa di stampanti in 3D, la Futura Elettronica di Gallarate. “Tante le sollecitazioni che abbiamo raccolto – dice Cattaneo -. La centralità di Malpensa, infrastrutture come Arcisate-Stabio e piazza Repubblica, il momento di grande incertezza per gli enti locali con la fine delle province”.  Ma Cattaneo sottolinea soprattutto “la grande situazione di povertà a Varese”.

Gli fa eco Alessandro Alfieri, consigliere regionale Pd, che dice “su alcune vicende delicate si gioca la partita insieme, come Malpensa, Sea Handling ed Expo”. Parla invece di “investimenti non prioritari” Paola Macchi del Movimento 5 Stelle. “Le vere priorità sono le persone, il welfare, l’occupazione, le piccole imprese”. Arriva anche il forzista Marsico, che affronta le questioni dell’ambiente, dal fiume Olona al Lago di Varese, per cui è difficile individuare “una cura risolutiva”.

Ma il clima di intesa e consenso non regge alla prova del parcheggio alla Prima Cappella del Sacro Monte. Un progetto che fa parte di un Accordo di programma di cui è firmatario anche il Pirellone, ma su cui un comiitato di cittadini ha raccolto seimila firme contro dei cittadini. “L’Amministrazione comunale deve andare avanti – dice Cattaneo -, è il progetto destinato a raccogliere polemiche prima di essere realizzato e consenso una volta realizzato”. Risponde a Cattaneo la grillina Paola Macchi: “I cittadini che hanno formato il comitato e raccolto le firme chiedono di avere risposte su questioni che hanno posto. E nel comitato non c’è la signora Maria, ma persone competenti ed esperti”. La Macchi ha auspicato un “sereno confronto” con i cittadini.

 

 

 

13 giugno 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs