Cinema

Anche varesino il David di Donatello per “Il capitale umano” di Virzì

Il regista Virzì nel corso delle riprese a Varese

Il regista Virzì nel corso delle riprese a Varese

Ha vinto “Il capitale umano” di Paolo Virzì, pellicola realizzata in diverse location “made in Varese”, il David di Donatello come miglior film dell’anno. A salire sul palco della premiazione condotta negli studi Rai a Roma da Paolo Ruffini e Anna Foglietta lo stesso regista con diversi interpreti. Ma quello di Virzì ha catturato anche altri premi importanti: migliori attori non protagonisti sono Fabrizio Gifuni e Valeria Golino, interpreti de “Il capitale umano”, a cui è andato anche il premio per la miglior sceneggiatura.

Due premi invece per “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, film in competizione con la pellicola di Virzì: uno per la migliore scenografia a Stefania Cella e uno a Daniela Ciancio per i costumi.

A Pif, nome d’arte di Pierfrancesco Diliberto, conquista il David di Donatello 2014 come regista esordiente e il David Giovani (assegnato da 6452 alunni delle scuole superiori) con il suo “La mafia uccide solo d’estate”.

Momento di emozione quando sul palco sale Sophia Loren, premiata con un David speciale per la sua interpretazione nel film del figlio Edoardo Ponti, “La voce umana”, dal celebre testo di Jean Cocteau. Al regista Marco Bellocchio uno dei Premi speciali per la sua lunga carriera di cinema. Accanto a lui, nel momento della consegna della statuetta, l’attore Filippo Timi che ha interpretato “Vincere”, pellicola diretta da Bellocchio.

 

10 giugno 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs