Varese

Parcheggio prima Cappella, il Pd Mirabelli replica al leghista Moroni

Il capogruppo Pd Fabrizio Mirabelli

Il capogruppo Pd Fabrizio Mirabelli

Riceviamo in redazione e volentieri pubblichiamo una replica del capogruppo Pd Fabrizio Mirabelli alla lettera di Giulio Moroni sul parcheggio alla Prima Cappella del Sacro Monte, ulteriore contributo – come già quello di Moroni – ad un confronto pacato e costruttivo, per il bene della città: 

Egregio direttore,

abbiamo letto con piacere la lettera dell’amico Giulio Moroni e lo ringraziamo per la sua disponibilità a confrontarsi sul parcheggio che l’Amministrazione vorebbe realizzare alla Prima Cappella, usando violenza alla montagna che sta nel cuore a tutti noi varesini.

Ci rattrista, tuttavia, come l’Amministrazione Fontana intenda continuare per la sua strada, non tenendo in alcun conto l’opinione di circa 6000 varesini, tra i quali personaggi certamente autorevoli come, per esempio, l’ex ministro Giuseppe Zamberletti.

Come si usa in Consiglio comunale, pertanto, ci pare giusto, dopo che i lettori di Varesereport hanno avuto la possibilità di sentire l’opinione di chi, come Moroni, è favorevole all’opera, abbiano anche la possibilità di sentire l’opinione di chi, come noi, è contrario e di questo, naturalmente, ringraziamo in anticipo il direttore Giacometti.

I principali motivi per cui il PD è contrario a questa opera sono i seguenti:

1) noi pensiamo ad un’accessibilità complessiva al Sacro Monte e non ad interventi spot. Come abbiamo già avuto modo di dire, preferiremmo che si utilizzassero i parcheggi già esistenti nella zona di Masnago, potenziando il trasporto pubblico. A chi volesse avere la comodità di salire in auto (esclusi i residenti e i disabili) si potrebbe chiedere un ticket d’ingresso, come succede altrove, che potrebbe essere utilizzato per fare le manutenzioni necessarie alla via sacra e a Santa Maria del Monte;

2) in alternativa, si potrebbe pensare alla realizzazione di un parcheggio in piazzale Montanari che, come è emerso nel corso della Commissione Lavori pubblici di mercoledì scorso, sarebbe, perfettamente compatibile, qualora fosse di 175 posti, con il Piano regolatore del Parco del Campo dei Fiori. Tale parcheggio, a differenza di quello alla Prima Cappella, almeno valorizzerebbe  la funicolare che è costata 6,5 milioni di euro e che, ogni anno, è in perdita di circa 200.000 euro.

3) l’eventuale realizzazione del parcheggio alla Prima Cappella è sconsigliabile in base al rapporto costi-benefici. Stupisce che Moroni sostenga che “la spesa verrà ripartita su vari enti e quindi il costo non graverà per intero sul nostro Comune”, visto che, trattandosi di soldi pubblici, alla fine, il conto lo pagheranno, sempre, i cittadini. Ed è indubbio che si tratterà di un costo salato, visto che ogniuno dei 90 posti auto costerà alla collettività circa 35.000 euro, salvo imprevisti, sempre in agguato, su una montagna nel cui sottosuolo c’è roccia, come dimostrano le vicende relative alla realizzazione della galleria della funicolare e dell’ascensore,

4) pur volendo tralasciare i rischi relativi alla stabilità degli edifici privati e religiosi circostanti e alla salvaguardia del SIC, sottoposto alla Direttiva Habitat dell’Unione europea, che, pure, andrebbero valutati meglio, resta il fatto che, con l’eventuale realizzazione del parcheggio alla Prima Cappella, mantenendo la possibilità di salire in auto fino in vetta, si creerebbero ingorghi peggiori di quelli attuali; senza contare che, essendo l’ingresso e l’uscita situati tra alcune curve, aumenterebbe il rischio di incidenti.

Non capiamo, infine, perché su un argomento che ha, profondamente, diviso la nostra città, l’amministrazione Fontana voglia impedire lo svolgimento di un referendum, che è previsto dall’art. 97 del nostro Statuto. Moroni converrà con noi che è ben strano come, chi, a parole, si è sempre ispirato al modello della Svizzera, dove viene indetto un referendum su quasi ogni opera pubblica, alla prima occasione concreta che si presenta di farlo anche a Varese, pretenda, invece, di mettere il bavaglio ai varesini.

Per quanto ci riguarda, questo atteggiamento, che si fa scudo della presunta interpretazione di regole burocratiche, può essere dettato solo dalla paura che i varesini possano sconfessare l’operato dell’Amministrazione Fontana. In tutta la Lombardia, infatti, da Milano a Brescia, passando per la vicina Busto Arsizio, su questioni controverse, anche su richiesta di Forza Italia e della Lega Nord, è stato possibile indire referendum affinché il popolo potesse esprimere, direttamente, la propria opinione.

Perché solo a Varese non dovrebbe essere possibile?

Fabrizio Mirabelli

Capogruppo PD Varese

31 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti a “Parcheggio prima Cappella, il Pd Mirabelli replica al leghista Moroni

  1. Tommaso il 31 maggio 2014, ore 13:21

    Ma l’ENTE PARCO DEI FIORI esiste davvero? Non c’erano neppure in Commissione Comunale. Ci piacerebbe vedere che viso hanno e fare delle domande perchè troppe scelte sono incomprensibili. Durissimi coin privati cittadini credo debbano esser visibili, ogni tanto, particolarmente sulle scelte bocciate in Piazzale Montanari e zone limistrofe dove pure l’ex Sindaco Fassa, leghista, non aveva idee malvage.

  2. giovanni dotti - Varese il 1 giugno 2014, ore 00:50

    Vedo con piacere che finalmente l’idea del REFERENDUM CITTADINO su opere pubbliche controverse è sostenuta dal PD locale. Mi chiedo perché invece non sia stata accettata nel caso ancor più importante e controverso del trasferimento del Dipartimento Materno-Infantile dal Del Ponte all’Ospedale di Circolo richiesto da numerosi Cittadini aderenti al COMITATO PER UN SOLO OSPEDALE A VARESE

  3. Martino Pirone il 2 giugno 2014, ore 10:05

    Caro Direttore, in attesa che il Sindaco valuti e decida se indire o meno un referendum, perché non apre su questo sito un sondaggio tra i lettori ? Con un semplice pro o contro la creazione del parcheggio alla 1^ Cappella o più articolato: se la spesa è commisurata al risultato, se a Varese vi sono altre necessità più urgenti, se con tale opera si risolve il problema dell’accesso al Sacro Monte, od altro. Oltretutto un tale sondaggio faciliterebbe anche la decisione che deve prendere l’Amministrazione. Non Le pare ?

Rispondi

 
 
kaiser jobs