Varese

Varese, con accordo Univa-sindacati detassata la flessibilità

operai_in_fabbrica_1-300x225I lavoratori delle aziende del Varesotto senza rappresentanza sindacale interna potranno, anche per il 2014, usufruire della speciale agevolazione fiscale per l’incremento della produttività del lavoro.  A rendere possibile lo sconto fiscale alle imprese prive di una contratto aziendale è l’accordo firmato dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese e dalle Segretarie Provinciali di Cgil, Cisl e Uil. Un passaggio formale obbligatorio, previsto dalla stessa normativa, e che recepisce sul territorio l’intesa già raggiunta a livello nazionale dall’accordo interconfederate stretto dai Sindacati e Confindustria.

In pratica senza l’intesa territoriale firmata nella sede varesina dell’Unione Industriali solo le imprese con al loro interno una contrattazione aziendale avrebbero potuto applicare la detassazione sulla parte di retribuzione pagata per la parte di orario flessibile. 

Un gap colmato anche quest’anno, così come avvenuto già nel 2013, dall’accordo che permette di applicare la detassazione anche ai dipendenti delle imprese associate all’Unione Industriali prive di Rsu o Rsa. Il testo prevede l’applicazione dell’agevolazione fiscale “in relazione alle voci retributive erogate a fronte di prestazioni lavorative diverse da quelle rese in osservanza degli orari applicati in azienda”. Nel rispetto degli “obblighi di contrattazione previsti dal Contratto Nazionale applicato in azienda”. Ciò vuol dire che l’aliquota agevolata del 10% di tassazione verrà applicata sulle somme che le imprese pagano ai dipendenti per compensare il lavoro svolto fuori dai regimi di orario ordinario.

Obiettivo: detassare le retribuzioni basate sull’orario flessibile. Nel dettaglio l’accordo prevede che “l’agevolazione sarà riconosciuta sulla quota di retribuzione corrisposta, con le relative eventuali maggiorazioni, come conseguenza della modifica dell’orario attuata in azienda, modifica che costituisce l’indicatore quantitativo di riferimento sulla base del quale applicare il regime fiscale” agevolato.

Inoltre, “le imprese applicheranno le agevolazioni fiscali derivanti dalla presente intesa territoriale a tutti i loro dipendenti, anche se occupati presso sedi o stabilimenti situati al di fuori della provincia di Varese”, salva diversa intesa prevista da singoli accordi aziendali. L’agevolazione, infine, sarà riconosciuta anche ai lavoratori assunti con contratto di somministrazione.

29 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs