Varese

Varese, “il Piave mormorava” con gli scrittori della Grande guerra

I valorosi fanti italiani

I valorosi fanti italiani

Venerdi 23 maggio alle ore 18 presso l’Antico Caffè Bosisio di Varese per la rassegna culturale “Letture in tasca” dell’associazione culturale Floreat sarà proposto un interessante incontro dal titolo “Trincee di carta: la Grande Guerra nella letteratura italiana”.

Relatore sarà il prof. Lorenzo Cremona, docente presso il Liceo Scientifico di Tradate. Interpreti dei testi le profesoresse Emanuela Sonzini e Maria Vittoria Barbieri, rispettivamente insegnanti di Lettere al Liceo Scientifico e al Liceo Classico di Varese.

L’appuntamento, che coincide con l’entrata in guerra dell’Italia il 24 maggio del 1915 e all’interno del centenario della Grande Guerra in Europa (1014), apre uno spaccato su testi poetici e narrativi dal fronte, facendo riferimento alle opere di Giuseppe Ungaretti, Scipio Slataper, Emilio Lussu.

Tra questi ci auguriamo non siano dimenticati uno splendido Giovanni Comisso, con i suoi “Giorni di guerra”, e un altrettanto bello – recentemente ripubblicato – Federico De Roberto (sì, quello del capolavoro “I Vicerè”) che affronta “La Paura”. 

La bella iniziativa di Floreat contribuisce alla proposta divulgativa di testi significativi della letteratura nazionale ed estera portandoli all’attenzione di tutti, a partire dai giovani.

22 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, “il Piave mormorava” con gli scrittori della Grande guerra

  1. secondino tranquilli il 22 maggio 2014, ore 19:13

    Ricordiamo, tra i tanti, anche Paolo Monelli, autore di “Scarpe al sole”, Pietro Jahier e Clemente Rebora…

Rispondi

 
 
kaiser jobs