Varese

Varese, “La mano di San Gemolo”, una spy story anni ’80 alla Feltrinelli

Un dettaglio della copertina del volume

Un dettaglio della copertina del volume

Come recita il sottotitolo, si tratta di “una spy story varesina degli anni ’80″. E’ questo, in sintesi, il nuovo romanzo di Franco Taddei e Fausto Citernesi dal titolo “La mano di San Gemolo”, pubblicato da Pietro Macchione Editore. Un romanzo che sarà presentato venerdì 16 maggio 2014, alle ore 18, presso la Libreria Feltrinelli di Varese, con i due autori che dialogheranno con Andrea Giacometti, direttore di Varese Report.

In una calda estate dei primi anni ’80 del Novecento giunge nel Varesotto il vescovo Albonico, Sostituto Segretario di Stato Vaticano. Come d’abitudine torna nel suo paese natale per un periodo di vacanza, ma dopo pochi giorni il brutale omicidio di un fotografo assassinato in una stradina di campagna sconvolge i suoi veri progetti.

A due passi dal Ticino, nella stazione dei carabinieri, il maresciallo capo Sanna indaga e ben presto le indagini lo portano su strade inaspettate, fino ad imbattersi nelle trame di un gruppo di dissidenti dell’Est disposti ad usare la forza di un’antica reliquia come arma nella lotta per la libertà. Nome in codice dell’operazione: “Gemulus”.

Questo giallo è stato scritto da Franco Amedeo Taddei, laureato in fisica, è un lombardo e vive a Varese, e da Fausto Citernesi, laureato in ingegneria, è un senese trapiantato da decenni in Lombardia e vive a Cerro al Lambro. Gli autori sono stati per molti anni colleghi di lavoro e hanno scoperto di avere un comune interesse ad inventare e scrivere storie.

 

15 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs